Circa 15 mila gli assistiti in città. Munno: presidio legalità per area jonica 
I lavoratori subordinati del settore agricolo, i dipendenti di aziende pubbliche e private avranno a disposizione una nuova sede dell’associazione sindacale Federazione Nazionale Agricoltura (FNA) alla quale rivolgersi per la tutela dei propri diritti. È stata inaugurata, infatti, in Via BORELLI 29, allo Scalo, la terza sede zonale a ROSSANO.

 A darne notizia è Caterina MUNNO responsabile zonale FNA Rossano 3 (assessore alle politiche sociali, al lavoro, alle pari opportunità e alla sanità del Comune di ALBIDONA) nonché componente della segreteria provinciale dello SNALV, ringraziando sia Mario SMURRA vicepresidente nazionale FNA sia Pierluigi CACCURI per il prezioso contributo offerto al rafforzamento ed all’efficiente offerta di servizi da parte della struttura. Il Centro di Assistenza Fiscale (CAF) attraverso il quale vengono erogati 730, ISEE, detrazioni, successioni, red, visure catastali, unico persone fisiche, ici, contratti di locazione, eas e modelli inps: icric, iclav, accas/ps. – L'Ente di Patronato e di Assistenza Sociale (EPAS) che si occupa dell’assistenza per gli immigrati. – L’Unione per la Difesa dei Consumatori (UDICON) che ha come scopo la tutela dei diritti dei cittadini. – Il Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori (SNALV) che ha come obbiettivo primario quello di offrire a tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati la diffusione, la salvaguardia e la tutela del diritto-dovere al lavoro. Sono, questi, i principali servizi offerti alla vasta utenza nei centri FNA. Importante e ramificata realtà sindacale con numeri in costante crescita, soltanto a ROSSANO la FNA conta 15 mila assistiti sui 50 mila totali in tutta la provincia di COSENZA, confermandosi – ha scandito la MUNNO, riepilogando metodi, risultati e obiettivi del sindacato – come un indispensabile presidio di legalità a tutela dei diritti e delle attese ed esigenze dell’intero bacino demografico dell’area jonica cosentina. Il sindacato, convenzionato con l'INPS per la riscossione delle quote associative sulle domande di disoccupazione agricola, è adesso raggiungibile dai propri associati allo Scalo, nella nuova sede già esistente come struttura sindacale dal 2011 in viale Luca DE ROSIS. All’inaugurazione hanno partecipato, tra gli altri, Don Pino STRAFACE, Mario SMURRA, Rosellina MADEO Presidente del Consiglio Comune di Rossano e Antonio LENTO segretario regionale SNALV.
 

 

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa