L’argomento della fusione delle due città di Rossano e Corigliano è oggetto di diversi interventi. Tra tutti quello di Luca Latella riportato sui blog delle rispettive città  del 18.01.16 non può passare nell’indifferenza generale. La fusione di cui si parla riguarda un percorso di unione tra due città che si concluderà con un referendum elettorale delle due comunità.
  Latella mette in risalto che si è in attesa, a distanza di un anno, del consenso del Comune di Corigliano.


  Il Comune di Corigliano, a mio modesto avviso, ha il dovere, per non portare alle calende greche la discussione, di dare un responso motivato, positivo o negativo che sia. Tale responso è sollecitato anche dalle altre “penne”autorevoli di politici, amministratori, giornalisti, associazioni, club locali, del mondo culturale e sociale. Ad essi va l’apprezzamento e il riconoscimento per la loro partecipazione alla discussione del problema della fusione a cui pare legato l’avvenire delle due città.
  Latella porta infine come risultato finale la convinzione che la fusione si configurerà per forza di cose come “Area Vasta”, la provincia del futuro.

Qui casca l’asino! Viene proprio da dire vino vecchio in otri nuove.

  Fa meraviglia che un giornalista attento, ex direttore di un giornale locale noto e molto letto, non spenda una parola sulla costanza storica di questa aspirazione alla fusione. La classe politica e culturale del recente passato, prevedendo in prospettiva l’attuale situazione di emarginazione del territorio, aveva con lungimiranza perseguito, con il consenso di 32 comuni della fascia nord ionica, un progetto di unificazione amministrativa e politica della Sibaritide che era arrivato a configurarsi in un disegno di legge della provincia della Sibaritide. Historia magistra vitae! Essendo nutrita e diffusa la pubblicazione di notizie di quel periodo, perché non si propone una tavola rotonda per far risaltare a chi è dovuto il fallimento di quel progetto? Perché non trarre insegnamento dagli errori? Certo è che la storia di Sibari si porterà dietro il fallimento storico della mancata istituzione della provincia. Abbiamo perso già troppo tempo e troppe occasioni ed è bene ricordarlo.
  La stampa in circolazione porta tanti quesiti alla ricerca del perché di una mancata istituzione della provincia, e adesso mutatis mutandis dell’area vasta. Perché un desiderio radicato nel tessuto sociale dei nostri paesi, costantemente sostenuto e mai abbandonato trova tante difficoltà e resistenze? Chi ha ostacolato o tradito allora tale promozione che avrebbe rafforzato il prestigio e l’importanza della Sibaritide? Ma soprattutto chi vuole assumersi la responsabilità ancora oggi di mortificare le aspettative di tanti?

19.01.16
Armando Benvenuto autore dei volumi“ Per Sibari Provincia”

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa