Tanta partecipazione, domenica 7 gennaio, all'iniziativa promossa dall’A.V.O. (Associazione Volontari Ospedalieri) di Rossano al Teatro "Paolella" nell'incantevole centro storico bizantino. Si è vissuta, dunque, una serata all'insegna della buona musica, della danza e del teatro amatoriale. 

Nel corso della serata, presentata dal giornalista Antonio Le Fosse, si è dato vita, dapprima, all'esibizione musicale del duo "Camel Light" formato da Alfonso Sacchetti (Chitarra acustica) e Adele Zangaro (Voce), In seguito, poi, si è esibita la brava e giovane ballerina, Federica Chiara Porro, della Scuola Internazionale "Carmen Biscardi" che ha eseguito, magistralmente, una serie di coreografie di alto livello artistico. Emozionante il monologo del regista Adriano Beraldi che, in pochi minuti, ha raccontato la storia dell'Avo. Subito dopo sono entrati in scena le avoline che si sono cimentate nell'interpretare, con grande bravura e tanta preparazione, i diversi ruoli assegnati dal regista Beraldi. Un atto unico recitato interamente in vernacolo rossanese dl titolo: "Ci Siamo Noi". Un recital in cui si è voluto raccontare il ruolo delle avoline all'intero dei diversi reparti ospedalieri. Questi, quotidianamente, garantiscono la loro preziosa opera sostituendo, più delle volte, il parente che non c’è al fianco dei pazienti ricoverati in Ospedale. Lo scopo dell’Associazione, dunque, è quello di offrire una presenza amichevole, regalando agli ammalati, durante la loro degenza in Ospedale, calore umano, dialogo ed aiuto per alleviare la loro sofferenza, l’isolamento e la noia, con esclusione, però, di qualunque mansione tecnico-professionale di competenza esclusiva del personale medico, infermieristico e di assistenza. La loro “mission” è finalizzata a dare una solidarietà nuova, cioè non trascurare il degente come persona, senza alcun fine di lucro. I Volontari Ospedalieri, infatti, operano esclusivamente per fini di solidarietà sociale, civile e culturale. Significativa, inoltre, la testimonianza di Clorinda Di Caro. Straordinaria, tra l'altro, l'esibizione canora della brava cantante rossanese: Deborah Pia Placonà. Eccellente, in modo particolare, la performance delle avoline che, per l’occasione, si sono cimentate nel ruolo di attrici documentando, all’interno di uno dei tanti reparti, le mansioni che svolgono, quotidianamente, i tanti volontari ospedalieri offrendo, con grande amore e dedizione, la loro preziosa opera al servizio degli altri e, in questo caso, nei confronti dei ricoverati in Ospedale. Brave tutte. Queste sono: Achiropita Scigliano nel ruolo di Rosalia (Degente), Giovanna Blaschi nel ruolo di Immacolata (Degente), Lisa Bauleo nel ruolo di Gilda (Degente), Maria Carmela Aurilia (Infermeria), Maria Pia Santoriello (Addetta alle pulizie), Achiropita Scino (Avolina), Anna Linardi (Avolina), Elvira Fontanella (Addetta al vitto), Lorena Turco (Dottoressa). Un plauso, in modo particolare, al regista Adriano Beraldi per l’ottimo lavoro portato in scena dove, tramite la rappresentazione teatrale, ha voluto mettere in evidenza l’operato dell’Avo in due situazioni differenti sia per mostrare il loro impegno quotidiano e sia l’amore nei confronti di quanti vivono un periodo di degenza all’interno dell’Ospedale. Non sono mancati, tra l’altro, lunghi applausi ed ampi consensi di critica all'indirizzo dell’intero cast da parte del numeroso pubblico seduto in platea. Un plauso, oltre a Natalino Bauleo che ha curato nei minimi dettagli il service audio-luci, ad Achiropita Scino (Presidente dell’Avo Rossano) che ha voluto organizzare, di comune accordo con il regista Adriano Beraldi, l’importante appuntamento nella città del Codex e al Teatro "Paolella". Achiropita Scino, al termine della serata, ha voluto ringraziare, pubblicamente, il giornalista Antonio Le Fosse, il regista Adriano Beraldi, le avoline, il tecnico audio-luci: Natalino Bauleo, Danilo Ferigo, ma anche tutti coloro che hanno preso parte all'evento e, soprattutto, i numerosi sponor. Questi sono: Farmacia Noto, Gelateria Capani, "Che Pizza" con sede in Viale della Repubblica, "La Tana del Gusto" con sede in Piazza Steri, Ristornate-Pizzeria "Aurora" con sede nei pressi del Camping Pitagora, Kairos Cafè, Capital Cafè, Copycenter, Andirivieni Viaggi, Argentomania, Pescheria Caccuri e tanti altri. Si è vissuta, dunque, una serata all'insegna della buona musica, della danza e del teatro amatoriale in cui non sono mancati lunghi applausi ed ampi consensi di critica all'indirizzo di quanti sono entrati in scena. Le avoline, dopo la straordinaria performance, sono già in piena trepidazione in attesa dell'incontro con Papa Francesco, in programma il prossimo 24 gennaio 2018, in occasione dell'udienza privata, in Vaticano, riservata ai volontari ospedalieri provenienti da tutta Italia.

ANTONIO LE FOSSE
 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa