Prende forma il primo comitato per il No alla Fusione Corigliano-Rossano. Esso sarà un contenitore unico del dissenso Ausonico e Bizantino e si chiamerà "IL POPOLO DEL NO". Un movimento che nasce con l'obiettivo fisso di far emergere la verità attorno al progetto di Fusione in atto tra le due città attigue dell'Alto Jonio cosentino.

 Nello scenario che ci circonda, non è assolutamente da biasimare una forte voglia di cambiamento, di reazione a quest'assetto degradante che le due Città assaporano giorno dopo giorno. Ma non è certo questa la soluzione, anzi! Qui si tratta della totale cancellazione dei due Municipi, trasformandoli in uno nettamente nuovo, e di identità cassate ad appannaggio di una nascente che, più che unire, divide (Eccome!).

Un passo sin troppo importante per essere affrontato con così tanta e oggettiva leggerezza! Sia da un punto di vista normativo, che sociale ed economico, qui ci si muove in un campo minato, pieno di insidie ed incertezze. Non possiamo permetterci di approvare un progetto portato avanti al fulmicotone, senza un minimo di programmazione preventiva e, soprattutto, di collaborazione tra enti. Votando Sì al referendum del 22 ottobre, si andrebbe a legittimare nuovamente questa malsana concezione di intendere la politica.

Una politica fatta di soluzioni campate in aria, prive di concretezza e di promesse irrealizzabili. Insomma, proprio la politica posta in essere anche in occasione di questa Fusione! Una proposta nata con i migliori auspici, ma divenuta solo un elemento di divisione. Un percorso che non ha permesso alle popolazioni coinvolte di avere un quadro preciso e coerente dell'evento aggregativo e che, ad oggi, si configura come un castello di soggezione e falsità, costruito ad hoc per pochi e candidato a mortificare ulteriormente una terra, la nostra, ormai ridotta all'osso.

È in ragione di questo che decine di studenti, operai, professionisti, imprenditori, amministratori ed alte personalità politiche locali, anche di diversa estrazione ideologica, hanno deciso di intraprendere un percorso insieme ed unico, congelando ognuno le proprie passioni politiche e concentrandosi su quello che è un obiettivo comune e condiviso: difendere la propria Città. Come "POPOLO DEL NO", nel far valere le nostre ragioni, ci impegneremo a mantenere alta la qualità del dibattito, che momentaneamente staziona ad un livello bassissimo, deplorevole. Infatti, palesiamo sin da subito la nostra volontà di non dare seguito ad illazioni infondate ed irrispettose, tipiche di alcuni tra più alti esponenti del Fronte del Sì.

C'è bisogno di far rientrare nei ranghi del rispetto e della clemenza la discussione in atto e noi faremo di tutto affinché questo diventi realtà. Con l'auspicio di un confronto civile, presupposto di crescita collettiva e non meramente personale, "IL POPOLO DEL NO" si dice aperto ad accogliere tutti i cittadini che vorranno farne parte.

In fede, gli aderenti
Alberto Gabriele
Alberto Laise
Aldo Algieri
Adriana Bruno
Adriano Primavera  

 

Commenti   

0 #3 Luka 2017-09-07 08:19
Ma chi é sta gente? Ha studiato? In base a cosa loro sono contrari alla fusione? Gentaglia improvvisata che invece di pensare positivo , pensa sempre negativo!
Citazione
0 #2 Yes 2017-09-04 23:57
Noooooooooo questa non ci voleva! :-x
Citazione
-5 #1 Rossaniensis 2017-08-29 15:20
Era ora.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa