Come tutti ormai sappiamo, giorno 22 Ottobre, i cittadini di Corigliano e Rossano, voteranno per il referendum nel quale gli elettori si pronunceranno sulla fusione dei comuni. Questo è un tema molto importante e delicato poiché rivoluzionerà la storia dei paesi in oggetto, però in alcune circostanze e contesti, la fusione è stata STRUMENTALIZZATA.. in che modo? 

Il nuovo progetto, è stato trattato in maniera superficiale, privo di verità, promettendo e garantendo ai cittadini benefici, anche di tipo lavorativo, qualora i due comuni si fossero uniti. Indicare cosa accadrà in seguito alla fusione non è possibile poiché è necessario identificare studi di bilancio, nuove regole di funzionamento del “nuovo comune”, programmazione politica, ma soprattutto creare un nuovo assetto politico che sappia gestire una popolazione amplificata (circa 75.000 abitanti, risulterebbe quindi, il terzo comune più grande della Calabria). Detto ciò non possiamo GARANTIRE ai cittadini la possibilità di crescere economicamente, non possiamo GARANTIRE posti di lavoro (come sta accadendo) alludendo false speranze. Siate realisti e coerenti, esponiamo le ragioni, sia per il si e sia per il no, in maniera “pulita e sincera” poiché , appunto, alle false speranze, non ci crede più nessuno. Dicevamo quindi, che gli effetti sulla fusione non sono chiari e non possono garantire, sostanzialmente, benefici. Come si può realizzare, amministrare, far crescere una “comunità nuova” senza un piano cautelare, senza basi certe e sicure? Guardando in faccia alla realtà, molte volte non siamo stati in grado, politici e cittadini, di mandare avanti un solo comune, su tutti i livelli, istituzionale, culturale, politico ed economico, sorge allora, in maniera spontanea la domanda: Questa nuova sfida politica, potrà mai occuparsi e governare nel migliore dei modi la crescita totale e lo sviluppo completo del “nuovo territorio”? (Formato da più abitanti, quindi con più esigenze e responsabilità). Sincermante dobbiamo rispondere NO, poiché non possiamo nascondere la famosa polvere sotto al tappeto. Le nostre culture, le nostre appartenenze storiche ci porteranno alla deriva, poiché sin dai tempi antichi, siamo cresciuti con ideali e valoro diversi in svariati settori  (cultura, arte, politica, vita sociale).Cittadini, collaboriamo, rispettiamoci, ma ad ognuno le cose proprie, ad ognuno il proprio paese, ad ognuno i propri ideali e la propria stabilità, anche se spicciola ma comunque vivibile.

Gianluca Ginese
Gianfranco Costa
Maria Teresa Laudonia
Diletta Fortunato
Alfonso Falcone
Francesco Madeo

 

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 
 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa