Avvocatura non ha lasciato nulla di intentato. Comune: evitare strumentalizzazioni e superficialità
CORIGLIANO C.  – Palazzetto dello sport di Contrada INSITI, per i fattori ed il coinvolgimento dei diversi soggetti che negli anni hanno contribuito a renderla così complessa, questa vicenda giudiziaria non può e non deve essere oggetto di strumentalizzazioni, né tantomeno essere affrontata e raccontata con superficialità. 

 
È quanto precisa l’Amministrazione Comunale sottolineando che sin dall'inizio (2012) il ruolo dell’avvocatura comunale è stato teso a dare corso a quanto espressamente voluto dalla Commissione Straordinaria. Documenti alla mano, è stato un lavoro estenuante e produttivo, nell’interesse dell’Ente.   
 
L’ITER GIUDIZIARIO – I due comuni di CORIGLIANO e ROSSANO, deputati alla gestione consortile dell'area, struttura inclusa, hanno correttamente dato corso alla gestione biennale alternata dell’immobile. Quando il Comune di CORIGLIANO venne sciolto per mafia l’allora Commissione Straordinaria (siamo nel 2012) ordinò lo sgombero di questa area poiché detenuto abusivamente da un soggetto privato. Quest’ultimo ha conseguentemente innescato più azioni giudiziarie. Il Tribunale di ROSSANO, investito della cosa, si dichiarò incompetente, così come il TAR CALABRIA. Vennero investiti, quindi, sia il Consiglio di Stato che il Tribunale di CASTROVILLARI che, ancora oggi, si occupa di ulteriore contenzioso al riguardo.
 
All'epoca dei fatti e per la difesa dell'Ente, la Commissione Antimafia nominò l'avvocato Lina PELLEGRINO che curò la controversia sino al Consiglio di Stato che, nel febbraio 2015, tra l'altro, re-immetteva in possesso il soggetto privato. Successivamente l'avvocato PELLEGRINO rinunciò al mandato e venne sostituita, per espressa volontà dell'Amministrazione, dall'avvocato SELVAGGI del Foro di Roma.
 
Pur vantando diritti autentici a quello di CORIGLIANO, stranamente il Comune di ROSSANO non è intervenuto, né tanto meno ha dato segnali di interessamento sulla vicenda innescata dalla Commissione Antimafia. E si è costituito in giudizio solo nella vicenda che interessa a tutt'oggi il Tribunale di Castrovillari.
 
Con l'ordinanza del novembre 2017 il Consiglio di Stato ha re-immesso in possesso il soggetto privato e nel sito oggetto di sgombero, così come già fece nel febbraio 2015, a cui comunque non si è dato corso, in termini esecutivi, poiché ancora vi era da definire la trattazione nel merito della predetta azione giudiziaria. Il merito della controversia verrà trattato nel maggio 2018.
 
Il ruolo dell'Avvocatura Comunale è stato, sin dall'inizio, teso a dare corso a quanto espressamente voluto dalla Commissione Straordinaria. Ha seguito l'iter senza lasciare nulla di intentato. La volontà dell'Amministrazione era ed è volta solo a difendere le ragioni dell'Ente e salvaguardare il bene pubblico.
 

 

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa