In questi mesi sono state tante le testimonianze di disprezzo che hanno allietato i miei pomeriggi, altrimenti banali e faticosi, tutte provenienti da pseudoamministratori o comunque da portatori di interessi evidentemente in contrasto con la mia attività politica (circostanza di cui vado fiero), ma tra queste quella di Nicola Candiano è tra quelle che ho apprezzato di più.

A differenza mia, l'eminenza grigia dell'amministrazione comunale non scrive nome e cognome, eredità di quella cultura codarda ed ipocrita che caratterizza la pseudo-classe dirigente di cui egli si fa portavoce, eppure ciò non ha reso la mia lettura meno dolce.

Del resto ultimamente le uscite scomposte dell'assessore sono all'ordine del giorno e quest'ultima è solo quella meno celata, segnali di un nervosismo evidente, quasi isterico, che da uno come lui non ci si aspetta. Restò tranquillissimo, tanto per ripercorrere uno dei passaggi del suo sproloquio, durante la vertenza del tribunale, allor quando - nonostante la mia dieta - il nostro presidio di giustizia veniva definitivamente chiuso e proprio lui diventava, serenamente, responsabile giustizia del Partito Democratico. Un affarone per il territorio.

Non posso che ringraziare per uno scritto di tale profondità storica, non fosse altro perché, involontariamente, sviscera minuziosamente il tanto lavoro fatto in questi anni a difesa dei diritti delle nostre comunità e contestualmente elenca goffamente i propri demeriti politici, civici, sociali.

È sbalorditivo, poi, osservare come questa schiatta di professionisti locali, ingrassata grazie ai regali dei propri partiti di appartenenza nei tempi delle vacche grasse ed altrimenti totalmente anonimi, abbia la sistematica pretesa di giudicare non me – che facendo politica, sono preparato ad accettare giudizi quasi di ogni tipo – ma intere generazioni: centinaia di ragazze e ragazzi, senza paparino alle spalle, costretti ad adattare ogni propria aspirazione al contesto rovinoso che proprio i parassiti di cui sopra ci hanno consegnato.

Ma proprio per questo trovo tenere tali sortite: per l'inadeguatezza strutturale che evidenziano. Si tratta di persone prive di strumenti non soltanto per fare politica, ma anche per giudicare la realtà che gli sta intorno, troppo distaccata dai propri immeritati privilegi e da faraoniche pretese individuali e familiari.

Condivido dunque l'auspicio dell'assessore: che il tempo sia galantuomo per tutti, e lo scrivo con un velo di tristezza proprio immedesimandomi in chi, dopo un quarantennio di presunta attività politica, per gestire briciole del potere che tanto brama è costretto a riverire ossequiosamente qualche capo-corrente di partito o a dirigere qualche goffo portatore di “voti nella sacchetta”, consapevole di non essere eleggibile nemmeno in un condominio di medie dimensioni. Può esserci destino più triste?

Ed ecco, dunque, che il paragone proposto nell'ultima malcelata invettiva si trasforma nella rappresentazione più cruenta del proprio totale fallimento politico.

Di Tommaso Aniello d'Amalfi detto Masaniello, infatti, ne fanno menzione la storia, la cultura, la tradizione popolare ed il suo ricordo è giunto indelebile fino ad oggi, tramandato dai suoi sodali, dai suoi aguzzini, dal suo popolo.

Degli assessoricchi DC capaci di allargare il proprio giardino e far assumere qualche parente, tolti quest'ultimo ed il vicino di casa, non si ricorderà mai nessuno.

 Flavio Stasi

 


Commenti   

filippo
+17 #1 filippo 2018-01-02 21:58
sempre un piacere leggere Stasi , giovane ma con un gran bagaglio politico,che a questi 4 gli fa un baffo..
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa