Il 27 Maggio 2017 in un comunicato intitolato “la comprovata mancanza di vergogna”, scrissi che con delibera di Giunta l'esecutivo Candiano-Mascaro aveva cucito su misura il vestito da dirigente a delle persone escludendone delle altre. Lo scrissi sottolineando che l'Amministrazione, guidata dagli stimati amministrativisti che ne fanno parte, aveva appena nominato illegittimamente due dirigenti per poi essere costretta a revocarne gli atti.

Era già cristallina, dunque, quale fosse la volontà anti-politica dell'Amministrazione, e non a caso mentre l'assessore Mauro, di cui finalmente è chiara la funzione interna alla Giunta, difendeva la delibera spacciandola per un adeguamento alla normativa vigente, la stessa veniva imboscata per quattro mesi e pubblicata soltanto a settembre (12 settembre, comunicato “Dirigenti, pubblicato dopo 4 mesi il regolamento imboscato”).

Il fatto che oggi, a poche settimane dalla probabile istituzione del nuovo comune e quindi – finalmente – dal termine di questa devastante e famigerata amministrazione, l'esecutivo bandisca un posto da dirigente praticamente con nome e cognome (che comunicherò, seppur con non molta fiducia, alle Autorità Competenti) per i prossimi 3 anni cercando di ingessare anche la prossima amministrazione, non fa altro che palesare, ancora una volta, lo squallore in cui questa classe politica ha affondato le nostre Istituzioni.

Un tempo ci si scandalizzava per la nota categoria della “simpatia politica”, ovvero quelle misure interne alla macchina comunale motivate dall'appartanenza ad un partito. Oggi quello scandaloso modo di gestire la cosa pubblica appare persino virtuoso di fronte a tanto squallore.

Ed in tema di scandali della prima repubblica, devo ammettere di essere deluso dalle risposte dell'assessore alle varie ed eventuali, Nicola Candiano, che proprio non riesce a scrivere il mio nome ma che proporio non riesce ad ignorarmi, nonostante io sia un misero “capogruppo di me stesso”.

Ammetto che fare il capogruppo di quasi quattromila concittadini, provando a non deluderne nemmeno uno, non è cosa facile, anzi. Altresì mi rendo conto che per uno che fa fatica ad inviduare l'esatta dimensione del condominio che potrebbe eleggerlo capo-condomino, cioè uno che non ha mai avuto responsabilità nei confronti degli elettori ma che si trova a fare l'assessore per amicizia o per aggancio, si tratta di un concetto troppo complesso: non ha gli strumenti per comprenderlo.

Ma ciò che mi delude non è la dialettica da bassi fondi o che sia un amministratore scadente (come aveva già dimostrato con l'amministrazione Filareto) bensì il fatto che, prima d'ora, gli riconoscevo almeno un minimo di acume tattico. In argomento di familismo, invece, fossi stato un suo sodale, gli avrei suggerito di parlare di tutto, di qualsiasi cosa, persino dell'oroscopo, purchè non parlasse dei suoi incarichi giovanili, politici e non! Questa più che una risposta, è stata una “caporetto dialettica”, non c'è bisogno di aggiungere altro: i cittadini rossanesi hanno vissuto e vivono a Rossano, non a Chicago. L'arroganza, alle volte, rende ingenui.

Il parente, il dirigente e l'area sociale: questa è la sintesi di questa amministrazione-regalificio, tre provvedimenti che sono solo gli ultimi di una indecente sequenza di provvedimenti anti-politici perchè assolutamente contrari agli interessi delle nostre comunità, dalla incredibile distruzione del servizio verde pubblico all'affidamento dell'appalto della pubblica illuminazione, passando dalle prossime future “discoteche sociali” e “centri benessere sociali” costruiti su terreni comunali concessi con un bando ridicolo.

Io personalmente da tempo non voto, e lo rivendico, neanche i verbali delle sedute di Consiglio con questa amministrazione, proprio per marcare il profondo sdegno nei confronti di ciò che sta accadendo e mi assumo pubblicamente la responsabilità di ciò che affermo: mi auguro che questa amministrazione termini al più presto, non ho alcuna perplessità di sorta, preferibilmente con l'istituzione del nuovo comune da parte della Regione Calabria a scapito delle pressioni contrarie che stanno venendo quotidianamente proprio da chi non ha nessuna intenzione di schiodarsi dalla poltrona ed intende continuare a gestire il Comune come il proprio sgabuzzino, magari cercando di gestire altre briciole in vista delle prossime elezioni politiche.

È giusto che i cittadini sappiano anche questo. È giusto che i cittadini sappiano da che parte stare.

Flavio Stasi

Consigliere Comunale - Gruppo Consiliare Rossano Pulita 


Commenti   

Luca
+11 #1 Luca 2018-01-08 09:09
Il vero problema sono i cittadini. La maggior parte dei cittadini votano di pancia, perchè si ha sempre speranza di un posticino di 3 mesi in qualche supermercato, per un figlio o per se stessi. Non è facile cambiare questa situazione perchè è il governo nazionale che l'ha creata! I cittadini sono diventati pecore, che pur di avere un mese di lavoro sottopagato , danno il proprio voto e quelli dei familiari. Le persone non sono sceme, le persone sanno che stanno facendo schifo. Si sono mangiati Rossano e ancora stanno continuando. Io mi domando, le autorità competenti, quelle che dovrebbero controllare tutto, dove sono? Perchè queste cose non vengono controllate? La gente è depressa, non ha spirito di ribellione(pacifica), non protesta e si inchina, perdendo la dignità, a queste persone. Purtroppo anche le autorità competenti stanno perdendo la propria dignità, vanno a prendere lo spacciatore di 10 grammi di erba, e qui che ci girano i milioni li lasciano fare..squallore..
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa