Ho avuto modo di esprimermi sulla fusione dei Comuni di Corigliano e di Rossano. Ho scritto ed oggi ribadisco che mancava di progettualità, di uomini politici che la potessero metterla in atto e principalmente di strategia. Non ero contro a priori, ma ero consapevole che tutte le misure sopra citate erano mancanti. Le amministrazioni, con i Sindaci in testa, erano incapaci politicamente di sviluppare un progetto ampio, unitamente alle associazioni, che sviluppavano solo passeggiate politiche. 

Gli amministratori, non avevano mandato politico, ma una volta ottenuto dai cittadini, con il referendum, sono diventati dei Pentiti politici. Il loro pentimento, a poco è valso, la fusione oggi è realtà, voluta e determinata dai cittadini. Io confermo quello che scritto durante la fusione, al Nulla si risponde con il nulla. Anche le recenti elezioni politiche hanno determinato il Nulla. Oggi risulta impossibile, per un cittadino delle due comunità, anche dotarsi della carta d’identità, era auspicabile. Le Amministrazioni di Corigliano e di Rossano erano il Nulla. Qualcuno tra i cittadini in breve tempo, sulla propria pelle subirà, quello che le amministrazioni comunali hanno combinato. A sua Eccellenza il Commissario, il disbrigo della pratica, voluta dai cittadini e dalla Regione Calabria, con una legge elettorale, che io non so capire ed interpretare. Ma la Calabria politica, non fa storia da diversi decenni, dai tempi di Mancini e di Misasi e da leggi elettorali, che il quel momento storico, erano coerenti con il mandato politico che gli veniva affidato. Oggi, la politica calabrese, pensa esclusivamente a parenti ed amici e non all’ interesse dei molti. Il resto è noia. Accusare chi ha causato questo malessere che a breve diventerà dilagante poco importa. La fusione è andata in porto, oggi ognuno di Noi dovrà renderla attuabile, se possibile, collaborando con le istituzioni, con i propri mezzi. I responsabili, facilmente individuabile nelle amministrazioni di Rossano e di Corigliano, unitamente al promotore della legge regionale, va il mio sostegno ed incitamento, unitamente alla mia disponibilità personale. Salviamo il salvabile, almeno quello, perché pane nella mailla non ne esiste, né a Rossano, né a Corigliano, né in Calabria e anche nel nostro amato Paese che è l’ Italia.

Gianni Santelli Avvocato
 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

 

Che tempo fa