Ho preferito attendere circa due mesi dall’insediamento del poker commissariale prima di esprimere qualche riflessione a voce alta sul percorso intrapreso e sulle possibili variabili da inserire. Stimolato dalla lettura di alcuni articoli di stampa, alcuni dei quali a dir il vero scaturiti da penne ad “inchiostro tossico”, credo in primo luogo che si debba fermare, con immediata fermezza, un presunto esodo verso “l’area Corigliano” di uffici e servizi che, se trasferiti, penalizzerebbero l’utenza “dell’area Rossano”.

Sede legale o meno non è minimamente pensabile che la Polizia Locale di Rossano diventi una sezione ed il comando si sposti nel centro Ausonico. Pertanto, preoccupato, ma con assoluta convinzione e la certezza che quanto segue venga preso in seria considerazione, sapendo di interpretare il convincimento di migliaia di cittadini, mi spiego.
PARI DIGNITA’ può e deve significare che, in attesa di costruire al più presto gli uffici in contrada Insiti-su quei terreni scippati per gravi lacune difensive sulle quali pure sensibilizzeremo gli organi competenti appena sarà formato il governo- occorre lasciare all’utenza dei due centri tutti i servizi esistenti senza modifiche minino la pari dignità dei due ex comuni.
Così, sentire che si parli di ufficio legale del “cessato comune di Rossano”, credo che non agevoli il percorso di adesione culturale al progetto di fusione, anzi rischia di farlo vivere come uno scippo, scatenando reazioni che non aiutano.
Anche la ricorrente espressione nei discorsi quotidiani riferita al dato che i tre dirigenti di Area sono di Rossano e quindi occorre perequare tale dato con figure delegate ovvero con incarichi di esclusiva matrice ausonica a prescindere dalle competenze, mi sembra risibile e rischioso. Una squadra mette in campo le energie migliori prescindendo dalla originaria residenza, dunque evitiamo errori di questa natura e concentriamoci sui problemi che affliggono la comunità.
Mare: ancora nulla circa la pulizia degli oltre 30 Km di costa; verde altro ritardo accumulato con rischi per turismo e cittadini; condotta sottomarina di S.Angelo, pericolosamente minata in più parti e senza prospettive di intervento; discarica Bucita ancora bomba ecologica, SS 177 in frana dal 2015. Insomma sono lieto di leggere che si vogliono infiorare i due centri storici ma prima diserbiamoli e mettiamoli in sicurezza, altrimenti lo stridore delle contraddizioni eroderà il largo consenso referendario con conseguenze inimmaginabili.
   Rossano 31 05 2018
Paolo Maria Lamenza
                                                                        

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa