Ancora una volta le Organizzazione Sindacali della Provincia di Cosenza Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, rappresentate rispettivamente da Andrea Ferrone e Annalisa Assunto, Angelo Scarcello e Alessandro Calabrese,sono costrette a denunciare la grave situazione che continua a interessare i lavoratori degli Istituti Riuniti di Vigilanza, lo storico istituto che opera nella città di Cosenza e Provincia con distaccamento anche nella cittadina di Rossano.

 Difatti ancora ad oggi le maestranze hanno percepito solo un acconto dello stipendio del mese di Maggio e vantano già il credito relativo alla mensilità di Giugno, senza dimenticare l’atavico problema della 14° mensilità 2017 e 13° mensilità 2017.

I problemi accumulatisi sono tanti oltre al pagamento delle retribuzioni, e passano per lo straordinario non retribuito, per la gestione non funzionale delle ferie e dei permessi, per finire allo svolgimento dei servizi su postazioni delicate svolte sempre dalle stesse GPG.
Il leit motiv è sempre lo stesso da parte dell’azienda che asserisce il mancato pagamento delle fatture dei servizi prestati da parte dei committenti.
E’ chiaro – continuano i sindacalisti - che in un’ottica di sopravvivenza il problema dei ritardi dei pagamenti assume una forma prioritaria, visto che tale questione pone seri problemi economici ai lavoratori e alle loro famiglie tenuto conto che la gran parte degli stessi non ha altro reddito, ragion per cui è facilmente intuibile che tali cronici ritardi determinano conseguenze drammatiche.


L’impegno profuso da questi lavoratori, che nonostante tale situazione continuano a lavorare prestando il loro servizio con professionalità e con grande senso di sacrificio e abnegazione è davvero ammirevole, ma sicuramente non potrà diventare uno “stato dell’arte perenne”.
E’ stato anche ripreso, all’inizio dello scorso mese, un percorso di ripristino delle relazioni sindacali con l’azienda, al fine di individuare un eventuale piano di rientro di somme vantate da tanti lavoratori, di stabilire una calendarizzazione di come usufruire dei permessi e ferie arretrati e altri emolumenti, ma stranamente ad oggi questo percorso sembra sia stato interrotto. Nessuna ulteriore convocazione è pervenuta alle OO.SS.!
Siamo stanchi di andare in giro per tavoli prefettizi e tentativi di conciliazione all’Ispettorato del lavoro – concludono - dove purtroppo non vi è nessuna risoluzione definitiva a queste questioni aperte.
I lavoratori devono essere pagati, e pertanto procederemo ad attivare anche la responsabilità solidale e a chiedere direttamente l’intervento sostitutivo dei pagamenti delle retribuzioni agli enti committenti, così come previsto dalla normativa vigente degli appalti in questi casi, presidiando le loro sedi così come avvenuto nei mesi scorsi. Qualora non bastasse si procederà alle azioni giudiziali e al contempo a rivendicare quanto dovuto utilizzando tutte le forme di protesta normativamente previste.


FILCAMS CGIL                               FISASCAT CISL                                               UILTuCS UIL
Andrea FERRONE                       Angelo SCARCELLO                              Alessandro CALABRESE
Annalisa ASSUNTO  

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

 

Che tempo fa