“La Calabria che vuoi” protesta: “Diverse le incongruenze censurabili”

Fa discutere – e attira critiche - la nuova Legge Urbanistica, approvata dal Consiglio regionale il 28 dicembre scorso. In tutti quei Comuni, e sono tanti, che non si siano ancora dotati di Piano Strutturale Comunale o Associato avrà luogo la decadenza dei Piani regolatori generali o di Fabbricazione vigente.

Pertanto, ad eccezione delle zone A e B, sostanzialmente già urbanizzate nella loro totalità, tutte le aree delle altre zone, C compresa, già più che parzialmente urbanizzate, edificate ed abitate, ritorneranno ad essere terreni con destinazione agricola. Evidenti e potenzialmente micidiali le conseguenze. Sia per i privati cittadini, che dopo aver sempre pagato l’Imu per terreni in origine edificabili vedrebbero adesso ridursi vertiginosamente il valore dei propri appezzamenti, sia per i Comuni, che dovrebbero far fronte ad una sostanziale riduzione di entrate dall’Erario.

Ma le implicazioni sono anche altre, riguardanti l’organizzazione del territorio: in alcune zone ad oggi si riscontra un’espansione urbanistica disomogenea, con aree abitate circondate o inframezzate da suoli che tornerebbero agricoli, e perciò teoricamente idonei ad ospitare ad esempio allevamenti zootecnici suini, con l’inevitabile impatto ambientale negativo e la conseguente discontinuità di servizi pubblici. Nel nuovo Testo, poi, non si parla di recupero e riuso di contenitori e di rigenerazione urbanistica, che per alcuni ambienti degradati significa anche e soprattutto riqualificazione sociale. Ultimo appunto è sulle date: la nuova Legge fa salvi i Piani di Lottizzazione e quelli Attuativi presentati fino alla data del 30 novembre 2015, mentre l’ultima proroga spostava detto termine al 19 gennaio 2016. Una contraddizione che rischia di aprire contenziosi tra privati e Comuni, in quanto vi sono certamente proprietari che hanno pagato fior di quattrini per mantenere il proprio terreno edificabile e che nei tempi previsti hanno manifestato la volontà di voler lottizzare.

 

Alla luce di tutto ciò, appaiono mere e vuote affermazioni di principio le parole spese dell’assessore regionale all’urbanistica Rossi per presentare la nuova Legge: piuttosto, chiediamo che si badi alla concretezza, adottando il metodo giusto ed opportuno, per tutelare cittadini e Comuni. E poiché, come ha detto lo stesso presidente Oliverio, la Legge Urbanistica non è da intendersi come Bibbia, lanciamo l’invito a voler rivedere e correggere subito gli aspetti critici del Testo, per risparmiare ai nostri territori una nuova beffa urbanistica. 

 

 

 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa