I funerali si svolgeranno giovedì 4 gennaio, alle ore 15:30, nella Cattedrale di Cosenza
L’intera Diocesi di Rosano-Cariati piange per la scomparsa dell’ex Arcivescovo S.E.Mons. Serafino Sprovieri, Mons. Sprovieri era nato in San Pietro in Guarano (Cosenza) frazione San Benedetto, il 18 maggio 1930. 

Compiuti gli studi nel seminario Calabro “Pio XI” di Reggio Calabria, era stato ordinato sacerdote da Mons. Aniello Calcara, Arcivescovo di Cosenza, il 12 luglio 1953, che lo volle suo segretario, affidandogli la direzione di “Parola di vita”, settimanale cattolico cosentino, e la segreteria del’Unione Poeti e Scrittori Cattolici Italiani. È stato Rettore del seminario cosentino; Rettore del seminario interdiocesano di Cosenza; Rettore del Pontificio Seminario Teologico”S. Pio X°” in Catanzaro. L’11 febbraio 1978, Paolo VI° lo elesse alla Chiesa titolare di Temisonio, deputandolo ausiliare dell’Arcivescovo di Catanzaro e vescovo di Squillace. Consacrato nella chiesa del seminario teologico dal cardinale Sebastiano Baggio il 9 aprile 1978. E’ stato eletto Arcivescovo dell’importante Diocesi di Rossano-Cariati il 31 luglio 1980. Il Santo Padre, il 25 novembre 1991, lo trasferì a Benevento, nominandolo Arcivescovo Metropolita e conferendogli il “Pallio” il 29 giugno 1992. Prese possesso dell’Arcidiocesi il primo febbraio 1992, lasciando l’Arcidiocesi il 3 maggio 2006 per sopraggiunti limiti di età. Il rito funebre sarà celebrato domani, 4 gennaio (alle ore 15:30), nella Cattedrale di Cosenza. La chiesa rossanese, cosentina e calabrese, piange uno dei suoi vescovi che, nella scorsa notte, è salito alla Casa del Padre. Messaggi di cordoglio sono arrivati ai parenti di Mons. Sprovieri sia da parte del sindaco di Rossano, Stefano Mascaro, e sia da parte dell’attuale padre Arcivescovo della Diocesi di Rossano-Cariati, S.E. Mons. Giuseppe Satriano, che hanno manifestato la loro vicinanza, in questo momento di dolore, ai familiari del compianto Mons. Serafino Sprovieri. I funerali, come detto, si svolgeranno domani pomeriggio, alle ore 15:30, nella Cattedrale di Cosenza.

ANTONIO LE FOSSE
 

 


Commenti   

FRANCO
0 #1 FRANCO 2018-01-04 09:35
La Chiesa rossanese non piange il suo Pastore, perchè Serafino non è tornato alla Casa del Padre, ma per noi tutti è stato,è e sarà sempre la Casa del Padre e quindi canta con Lui l'Exultetdella Risurrezione, Nuova Creazione:" I Vivi non muoiono, sono i morti che non risorgono (Gv,11,44).
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa