Arrestati in quasi flagranza di reato: assolti. Il Tribunale accoglie le richieste dell’avv. Francesco Nicoletti
Il Tribunale di Castrovillari, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’avvocato Francesco Nicoletti, ha assolto Francesco Saverio Scigliano, pluripregiudicato rossanese, e L.A., sessantaduenne rossanese, accusati di furto aggravato, in concorso con un altro soggetto, nei locali dell’ex Istituto Tecnico Femminile di Rossano, di proprietà dell’Ente Provincia.

I FATTI Era stata una telefonata anonima ai Carabinieri di Rossano, nel maggio 2013, a segnalare la presenza di alcune persone all’interno dell’Istituto Tecnico Aziendale Femminile dal quale provenivano forti rumori. Mentre una pattuglia si accingeva a raggiungere l’edificio, la Centrale operativa riceveva una seconda telefonata anonima con cui si comunicava che i malfattori stavano fuggendo trasportando del materiale a bordo di un’autovettura della quale si fornivano modello e numero di targa. La vettura veniva intercettata e fermata poco dopo dai carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Rossano lungo la SP 250, ex SS 177. A bordo dell’auto venivano identificati gli imputati e, all’esito di una accurata perquisizione personale e veicolare, i militari rinvenivano il materiale risultato essere la refurtiva nonché un attrezzo atto allo scasso. In quella circostanza veniva anche effettuato un sopralluogo all’interno dell’Istituto Tecnico Femminile Aziendale dove si rilevava la rottura della catena del lucchetto all’ingresso e l’ammanco del materiale. Da qui l’arresto dei due, poi convalidato dal Giudice del processo per direttissima che applicava a L.A. la misura cautelare degli arresti domiciliari e allo Scigliano l’obbligo di presentazione alla P.G.

IL PROCESSO All’esito dell’istruttoria dibattimentale il Pubblico Ministero ha formulato richiesta di condanna degli imputati alla pena di anni 1 e mesi 4 di reclusione nel mentre l’avvocato difensore Francesco Nicoletti, all’esito di una lunga ed articolata discussione, ha concluso chiedendo l’assoluzione per i propri assistiti. Richiesta, quest’ultima, che il Tribunale di Castrovillari ha accolto in toto emettendo una sentenza assolutoria per entrambi.

 

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

INVIA ARTICOLO

Che tempo fa