Fanno male le immagini del Parco Archeologico di Sibari ancora sott’acqua dopo l’esondazione del Crati, avvenuta nei giorni scorsi. Ma fanno ancora più male le polemiche scoppiate subito dopo sullo stato di conservazione dei beni archeologici, storici e architettonici nel nostro comprensorio.

Non perché il tema non sia di notevole importanza, ma perché il dato che si coglie, con qualche fastidio, in molte dichiarazioni è quello della polemica contingente, da campagna elettorale e perciò fine a se stessa. 
LEGGI TUTTO