Difendano i lavoratori, non le aziende.
Con disarmante puntualità, quando c’è da difendere con i denti gli interessi collettivi del territorio, arriva la presa di posizione di sigle sindacali locali a favore di interessi privati e parziali.

Era accaduto già nella vicenda della riconversione della centrale di Sant’Irene, laddove alcune sigle sindacali avevano rivestito il ruolo di difensori degli interessi di Enel e disgregatori sociali, facendo leva come sempre sul decennale ricatto del lavoro che grava sulla testa del territorio, tentando goffamente di favorire progetti strampalati e devastanti.
LEGGI TUTTO