In vista delle elezioni politiche del prossimo 24 febbraio dobbiamo evitare che prevalgano sconforto e tendenze di antipolitica. Siamo i primi noi a non ritenerci contenti di come sono andate le cose. Ma per onestà intellettuale, correttezza e chiarezza, le analisi preferiamo farcele da soli senza dover ascoltarle dagli altri.

Oggi abbiamo il dovere dell’entusiasmo. Soprattutto in questa città, dove la destra è nata, siamo una forza viva ed importante. Non possiamo invalidare la grande casa del Pdl: dobbiamo dare a Giovanni DIMA la possibilità di essere eletto, altrimenti non avremo alcun rappresentante di questo territorio.
LEGGI TUTTO     {fcomments}{jcomments off}