Sono una diciasettenne di Rossano e frequento il liceo classico “G. Colosimo” di Corigliano Calabro.
Mia madre mi ha insegnato due cose: a non usare mai le parole “giudizio” e “giustificazione” ma piuttosto “comprensione”..qua mi sembra che il “giudizio” lo stiamo usando troppo e in modo sbagliato.

Indubbiamente quello che è successo è una cosa mostruosa, disumana…ma nessuno ha pensato alla “comprensione” con la “comprensione si possono evitare molti disastri o almeno limitarli. Nessuno si è chiesto il PERCHE’ sia successa una cosa simile, io non sto usando la “giustificazione” nei confronti di Davide, non è assolutamente giustificato e pagherà. Ma sto cercando di capire perché abbia fatto una cosa del genere. Perché si è rivelato un mostro. L’essere umano è davvero così crudele?La storia è piena di crudeltà. Ma gli uomini non nascono cattivi..i bambini non sono cattivi…e allora perché? La colpa oltre che di Davide è anche della società, è dei grandi, degli adulti, del mondo che ci sta crescendo:Ci hanno sempre insegnato che la donna che va con tanti uomini è una “poco di buono”,mentre un uomo che va con tante donne “usandole” è un gran figo. Ci hanno sempre insegnato che la donna è quella che “serve” la famiglia nelle varie faccende di casa. Ci hanno sempre fatto vedere che è l’uomo che può dire la messa e può diventare Papa,mentre la donna è ridotta al semplice ruolo di suora ,servitrice di Dio. Ci hanno sempre insegnato l’odio verso il male e verso le persone cattive:ai bambini si dice: “ti rubano gli zingari”..ed ecco che tutti gli zingari sono cattivi e rubano i bambini..sono tante le cose di cui non ci rendiamo conto..beh vi ritenete buoni e bravi Cristiani..ma il vostro Dio non vi ha insegnato l’odio…Quando Tito ha chiesto a Gesù Cristo sulla croce se dopo quello che ha fatto sarebbe andato in paradiso Gesù ha avuto pietà di lui…e Tito è rimasto sorpreso e ha capito..Voi che fate tanto gli intellettuali ascoltando De Andrè capite le sue parole:” Io nel vedere quest’uomo che muore, madre io provo dolore. NELLA PIETA’ CHE NON CEDE AL RANCORE, madre, HO IMPARATO L’AMORE”. Queste sono le parole di Tito..del Cattivo..La colpa non è solo del Mostro, LA COLPA E’ DI TUTTI NOI…nessuno pensa alla famiglia di Davide..a come è cresciuto a quale siano state le cause per cui un ragazzo sia diventato un mostro. Il male genera il male…e poi pensate ai suoi genitori già distrutti che si sentono dire che IL LORO FIGLIO E’ UN MOSTRO… E’ normale provare odio, Davide non è una vittima, Fabiana lo era..Io non provo odio..io provo soltanto RABBIA perché siamo deboli,perché siamo tutti colpevoli e disUMANI.

 –Achiropita Domanico