Dreaming South, i creativi catturati dai giganti di Cozzo del Pesco
La promozione di Rossano, della Sila Greca e del territorio della Sibaritide passa dal paesaggio rurale, agricolo, naturalistico e montano,  valore aggiunto e risorsa per il turismo sostenibile. Dal panorama di cui si può godere affacciandosi da un castagneto secolare, a quota mille sul livello del mare, direttamente sulle acque azzurre del Golfo di Sibari;

alla possibilità di fermarsi lungo una mulattiera giusto il tempo di godere del tramonto che bacia i tetti delle case di un centro storico arroccato su una roccia rossa; catturare i particolari di una abazia bizantina immersa nel cuore della Sila greca, e alzare lo sguardo al cielo, di fianco al tronco di un albero alto da non riuscire a scorgerne la fine. Il resto è una paletta di colori che solo la natura riesce a mescolare.

Messa a fuoco sull’identità. Successo per la tappa del progetto DREAMING SOUTH, nella Città del Codex e della Liquirizia. I giovani creativi rapiti dalla maestosità de “I Giganti di Cozzo del Pesco” e dalla storia del Pathirion.

Dal mare, passando dal centro storico, alla montagna. In pochissimi minuti. È qui, infatti che sono stati accompagnati nel pomeriggio dello scorso martedì 18, da Otto Torri sullo Jonio e da Lorenzo CARA del Club Trekking. Alla scoperta di paesaggi, curiosità, monumenti ed espressioni del terroir. All’escursione fotografica tra i castagneti secolari, con Marianna MONTESANTO e Gabriele TOLISANO della MONTESANTO SAS, media partner dell’evento, ha preso parte anche Michele ABASTANTE di COLONIE ACHEE, incoming tour operator specializzato in pacchetti turistici in Calabria e in generale nel Sud Italia.

Catturati e ispirati. Così i 10 fotografi, blogger e film maker guidato da Giovanni FILARETI. Dall’Abazia del Patire alla Valle del Colagnati. Il gruppo ha fatto tappa presso l’azienda agricola BIOSMURRA, per un rinfresco a base di succo prodotto con clementine. 

Fotogrammi e clip per lo spettacolare paesaggio rurale ed agricolo della campagna rossanese. Nell’album fotografico dell’iniziativa di marketing territoriale non convenzionale, anche il patrimonio architettonico della Città d’arte con le sue chiese, gli oratori, le vinedde ed i palazzi nobiliari. – (Fonte: MONTESANTO SAS – Comunicazione & Lobbying).