Gildo Perri voleva vendicare la morte innocente del figlio Pasqualino, avvenuto in un ristorante di Rende. Così convoca una riunione allo scopo di pianificare come catturare vivo Mario Pranno, che secondo le notizie in possesso di Gildo Perri, era stato l’esecutore materiale dell’omicidio. Ma Franco Pino sente “puzza di bruciato” e fa di tutto per non partecipare a questo summit.
I “racconti di ndrangheta” li trovi   QUI