I controllori si vedono fino alle 17, più o meno. Poi, appena il tramonto invernale colora di scuro anche la tratta jonica della ferrovia, ecco che come per magia si perde finanche il ricordo del personale di Trenitalia. A mala pena si vede qualcuno quando il treno fa sosta nelle stazioncine della zona.

Sta attento a chi sale e chi scende, getta un occhio sul marciapiedi del posto, poi urla un “Andiamo” al macchinista e corre a fargli compagnia. Così si viaggia, qui, in treno.
LEGGI TUTTO