La Cisl Zonale di Rossano, manifesta gioia e massima soddisfazione, a nome di tutti gli iscritti, dopo l’ufficializzazione rispetto all’importante e prestigioso incarico di Ordinario militare in Italia conferitogli da Papa Francesco all’Arcivescono Santo Marcianò, tra i più giovani d’ Italia.

Siamo orgogliosi e felicissimi che proprio dalla nostra città, dalla arcidiocesi di Rossano-Cariati, dalla nostra regione sia stato scelto un uomo, che in questi anni ha dimostrato, in varie occasioni, attaccamento e interesse per la gente e i più bisognosi. Siamo convinti che il suo impegno dimostrato sarà ricordato sempre nei cuori di tutti noi che abbiamo riconosciuto in lui grandi doti non solo spirituali ma rivolte alla difesa e tutela dei più deboli, degli immigrati, dei disoccupati, alla custodia del patrimonio ambientale da cui dipendiamo per la salute e la vita.
Un misto di commozione e malinconia che avvolge tutti noi per questo nuovo incarico all’Arcivescovo Marcianò, ma resterà se pur in altra sede, punto di riferimento per tante persone  e in particolare di quei giovani che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e apprezzare le sue grandi qualità.
Nel rinnovare gli auguri all’Arcivescovo Marcianò, auspichiamo che dal suo esempio di vita possano nascere momenti e occasioni nuove per accrescere il valore della solidarietà che resta quello più importante e necessario per avviare un nuovo percorso di cambiamento nella nostra società. Noi della CISL che viviamo ogni giorno i problemi e i bisogni della nostra gente, siamo convinti che  “la solidarietà” è dedicare la vita a chi sta male, a chi soffre, a chi è emarginato, a chi patisce l’ingiustizia; è dedicare la propria voce a chi non ce l’ha, è dare le proprie braccia e gambe a chi non può usarle.

     Ufficio Stampa
-Cisl Zonale Rossano-