Antoniotti: necessario rispetto regole. Uno dei manufatti è stato già sgomberato.
Risanamento igienico-sanitario e ripristino della legalità, al via lo sgombero dei chioschi in stato di totale abbandono in via Oderisi Da Gubbio, in località CROSETTO, nell’area mercato dello Scalo. Emesse due specifiche ordinanze, contingibili ed urgenti, per la rimozione dei manufatti. L’Amministrazione comunale adotta la linea dura contro il deturpo del decoro urbano e la tutela dell’Ambiente.

I due spazi occupati dai gazebo, una volta del tutto liberati, saranno assegnati a nuove attività mercatali. ANTONIOTTI: facciamo rispettare le regole.

I provvedimenti sindacali, emessi nei giorni scorsi, sono stati subito esecutivi per uno dei due manufatti inseriti nella prescrizione, prontamente rimosso. Nelle prossime ore, in coincidenza con la scadenza dell’ordinanza, nel caso di inottemperanza da parte dei soggetti privati interessati, gli uffici comunali preposti provvederanno ad avviare le procedure di disinstallazione del complesso. Subito dopo sarà avviata la bonifica dei luoghi.

Il ripristino della legalità – afferma il Sindaco ANTONIOTTI – passa anche attraverso queste azioni. Abbiamo adottato tutte le misure previste dalla legge per riportare decoro, sicurezza e soprattutto per ristabilire l’equilibrio igienico-sanitario nella grande area mercato cittadina. Non era più ammissibile continuare a tollerare, proprio al centro della zona commerciale, due strutture fatiscenti, lasciate dai proprietari nel più totale stato di abbandono e che erano diventate ricettacolo di animali, con enorme rischio per i cittadini. Soprattutto per gli studenti ed i bambini che quotidianamente frequentano quei luoghi, considerata anche la vicinanza con la villa comunale. Se ci sono delle regole – ribadisce il Primo cittadino – è giusto che esse vengano rispettare. Per questo, dopo un confronto con i responsabili dell’ufficio commercio e della polizia municipale, ho deciso di emanare due distinte ordinanze di sgombero. Inoltre – conclude ANTONIOTTI – considerato anche l’ampliamento urbano della zona CROSETTO, abbiamo sentito il dovere, attraverso la rimozione di questi due manufatti, di creare nuovi spazi da destinare alle attività commerciali, cercando così di ridurre i disagi ai residenti.

Le ordinanze, la numero 89 del 9 ottobre 2013 e la numero 93 del 18 ottobre 2013, si sono rese necessarie, tenuto conto della precaria situazione igienico-sanitaria su via Oderisi Da Gubbio. Dove erano presenti due manufatti (di cui uno in fase di prossima rimozione) in disuso ed in completo stato di abbandono, che oltre ad essere lesivi del decoro pubblico erano fonte di grave rischio sanitario, in quanto fornivano un habitat ideale per la proliferazione di topi, ratti, insetti e animali pericolosi per la salute pubblica. Pertanto, esistevano i presupposti e i motivi pregiudizievoli di carattere igienico-sanitario e di degrado ambientale per l’emissione di uno specifico provvedimento sindacale. All’ordinanza numero 89 è già stata data esecuzione ed il chiosco è stato rimosso, entro i sette giorni previsti dall’emissione del provvedimento. La numero 93, ancora in vigore, dovrà essere eseguita entro il prossimo VENERDÌ 25 OTTOBRE. I lavori di smantellamento, qualora non venissero eseguiti entro questo termine saranno effettuati d’ufficio e le spese sostenute saranno imputate agli interessati e riscosse nelle forme previste dalla normativa vigente. – (Fonte: MONTESANTO SAS Comunicazione & Lobbying).

Articoli correlati