Sabotati i quadri elettrici della pubblica illuminazione, gli uffici comunali sporgono denuncia. Una pessima abitudine, ad opera di vandali, che sta prendendo piede nelle due Città dell’Area urbana Corigliano-Rossano. Il sindaco chiede alle forze dell’ordine di intensificare i controlli. 

Il nuovo servizio di videosorveglianza urbano contribuirà ad arginare il fenomeno e a individuare gli eventuali artefici di tali atti vandalici. ANTONIOTTI: Queste sono barbarie che danneggiano il patrimonio e attentano alla sicurezza pubblica.

Mercoledì 16 ottobre i responsabili del servizio pubblica illuminazione hanno sporto denuncia di danneggiamento presso il Commissariato di pubblica sicurezza di Rossano mettendo in evidenza quanto accaduto negli scorsi mercoledì 9 e domenica 13 ottobre 2013, quando ignoti hanno sabotato le cassette dei quadri elettrici in diverse zone dello Scalo e nelle contrade.

Continuiamo a lottare – afferma il Sindaco ANTONIOTTI –  contro l’inciviltà di alcuni vandali. Quanto accaduto in più aree dello Scalo, ma anche nella vicina Corigliano, ci amareggia profondamente. È inconcepibile, infatti, che in momento difficile per i comuni, dove le risorse finanziarie sono ridotte al lumicino, qualcuno si prenda la briga di manomettere i quadri elettrici della pubblica illuminazione arrecando danno al patrimonio pubblico, ma soprattutto mettendo a rischio l’incolumità dei cittadini. Pertanto – aggiunge il Sindaco – chiedo alle forze dell’ordine di proseguire la loro opera di vigilanza e, ove possibile considerando le difficoltà di risorse ed organico, di intensificare i controlli. Ci siamo messi subito a lavoro – prosegue il Sindaco – per ripristinare eventuali danni che si sono verificati all’indomani degli atti vandalici. Tant’è che i disagi ai residenti sono stati limitati. Le squadre della manutenzione hanno operato in modo sinergico su tutto il territorio comunale, sia allo Scalo che nelle contrade. Contemporaneamente – conclude ANTONIOTTI – ci siamo attivati per sporgere regolare denuncia alle autorità competenti.

A seguito di alcune segnalazioni pervenute dalla ditta appaltatrice per la manutenzione della pubblica illuminazione, gli uffici comunali hanno constatato che ignoti, dopo aver forzato i quadri elettrici, hanno manomesso il funzionamento dell’illuminazione, spegnendo gli impianti. Tali danni, seguiti da disagi, seppur limitati, sono stati arrecati alle cabine ubicate in piazza Rinascimento, via Campania, Via Giulio Cesare, località Torre Renzo, sottopasso Viale S. Angelo, Via Vespucci, Via De Simone e contrada Seggio. – (Fonte: MONTESANTO SAS Comunicazione & Lobbying).