Dal riuso nascono opere d’ arte. Perchè l’ arte ecosostenibile fa bene alla salute ed al territorio.
Rispetto per l’ambiente, riuso dei materiali di scarto, tanta creativitá ed opportunità di lavoro. Questi sono  i quattro imperativi categorici della Federazione Verdi Rossano che  ieri, mercoledì 23 ottobre, ha presentato ufficialmente l’idea di allestire in città un “Angolo del Riciclo”. Testimonial d’ eccezione per il nuovo progetto artistico-ecologico il leader nazionale dei Verdi Angelo  BONELLI.

Un progetto ambizioso  quello dell’Angolo del riciclo, che nasce dopo il successo ottenuto quest’ estate con la manifestazione “RiciCreando” e che continua sulla strada della sensibilizzazione e del rispetto dell’ambiente.   Presso “l’Angolo del Riciclo” si assiste a una trasformazione fantastica: Da vecchi materiali prendono vita nuovi oggetti, monili per signore, bijou, portaoggetti, ma anche complementi d’ arredo tutti riciclati e fatti a mano. Un impatto visivo forte che dimostra quanta ricchezza e quante   cose  belle si possono trarre dai materiali erroneamente considerati come scarti . Il punto espositivo dell’Angolo del riciclo aprirà nei prossimi giorni in Via Alcide De Gasperi a Rossano.

I lavori della presentazione, tenutasi presso la sala del  Ristorante la “Ruota” in contrada Amica, sono stati introdotti dal  Commissario della Federazione Verdi  Calabria ELISA ROMANO  la quale ha dichiarato: ”L’angolo del riciclo è un progetto ambizioso che mira  a diventare un punto di riferimento per la Calabria ed oltre”.

 Per l’occasione ieri i Verdi Calabria sono stati chiamati a Raccolta. Era presente il

Capogruppo Verdi in consiglio Provinciale MARIO GIORDANO, il Commissario
regionale AURELIO MORRONE e delle  delegazioni provenienti da Catanzaro, Cetraro, Cosenza, Crotone  giunte in città per promuovere questo nuovo ed ambizioso progetto che sa di ecosostenibilità ma anche di sociale. Il Leader Nazionale ecologista Angelo BONELLI  ha dispensato   la sua Ricetta ECOLOGICA per rilanciare il lavoro e l’economia giovanile: “Serve rimettere al centro della nostra  agenda le tematiche inerenti al sociale ed al lavoro”.  Ha continuato Bonelli: “L’ecologia deve essere un mezzo per rilanciare l’occupazione, usando tutte quelle nuove professionalità perlopiù giovani per rimettere in moto lo sviluppo ecosostenibile del territorio. L’idea dei Verdi Rossano dell’Angolo del Riciclo può essere un’idea di sviluppo. Le cose più Semplici possono essere  le più rivoluzionarie”.

“L’ANGOLO DEL RICICLO” sarà dunque un punto di esposizione e di raccolta per gli artisti e i creativi del territorio che usano materiale riciclato per   ideare opere d’arte, un atelier ambientalista ed ecologica che fungerà inoltre da punto si raccolta e di scambio di opinioni, nuove idee e progetti nel rispetto della natura. Ancora una volta i Verdi si dimostrano realmente sensibili alle battaglie civili e democratiche in difesa del territorio e della salute delle nuove generazioni.

L’inaugurazione dell’Angolo del riciclo è stata inoltre un occasione per dibattere insieme al leader nazionale Bonelli delle varie problematiche che attanagliano la regione Calabria sempre più depauperata e privata di servizi essenziali. Un occhio di riguardo del dibattito è stato dedicato al problema della Discarica e della centrale Enel, due  minacce mostruose per il nostro ecosistema.  Altro nodo cruciale del dibattito la  questione infrastrutturale, la mancanza di adeguati collegamenti stradali, collegamenti ferroviari inesistenti   sullo sfondo di una giustizia annullata con la chiusura del tribunale di Rossano e di una sanità ridotta a livelli da terzo mondo. Un amaro bilancio quello fatto ieri dai Vertici del partito ecologista da cui emerge che  a Rossano è stato tolto quanto vi era di buono lasciando spazio solo a due piaghe: La Discarica e alla centrale Enel.
 
Ieri il Leader Bonelli ha effettuato un sopralluogo in Località Faro dove sono state rinvenute eclatanti difformità e uno stato di abbandono del territorio. I Verdi Continuano la loro battaglia contro l’abusivismo edilizio   portando avanti lo slogan “E’ meglio

recuperare l’esistente e non fare nuove costruzioni abusive”. I leader  insieme ai Verdi Rossano si sono riservati di valutare la situazione avendo costatato lo stato di abbandono e di degrado inaccettabile per una struttura Statale quale il Faro ed il fiorire di nuove abitazioni che appare tutto da  chiarire.

Federazione Verdi Rossano
24/10/2013