FONTE: ABMREPORT.IT – SCRITTO DA MICHELE MARTINISI
CASTROVILLARI –  “E’ una controversia atipica”. Così viene definita dalla “Camera Civile “Domenico Mazzioti “ degli Avvocati di Castrovillari” la polemica  nata tra Rossano e Castrovillari in merito al nuovo Tribunale.  Una vertenza che si “sta giocando” attraverso “ordini di servizio e ricorsi al Tar, blitz e fascicoli che fanno avanti e indietro, con dispendio di energie e non solo.

Uno scontro dai contorni inquietanti, un botta e risposta che, sinceramente, non aiuta la crescita della fiducia nella Giustizia, anzi, ne disegna una rappresentazione poco edificante e che sempre più assume i caratteri di una rivalità da dopolavoro”.

Bisogna “evitare  di alimentare, sia pure indirettamente, tensioni, scavando un solco profondo, quanto pericoloso, fra due centri che hanno tutto l’interesse di non dividersi” afferma il Presidente della Camera civile castrovillarese Antonella Gialdino.  La questione “non può essere inquadrata in termini di partita vinta o persa da qualcuno a scapito di un altro”. Pertanto la “Camera Civile” manifesta attraverso questa nota la “massima solidarietà  ai colleghi di Rossano che hanno subito una decisione “piovuta dall’alto” che disapproviamo,convinti come siamo che un presidio di giustizia,in uno stato di diritto vada tutelato e  avverso la quale noi di Castrovillari  abbiamo lottato come loro,anche se per fortuna con un esito diverso”.

Ed allora “ognuno per il proprio,ricominci a tessere momenti di coesione” senza pensare di risolvere tale problema  “denigrando il Tribunale di Castrovillari,come ultimamente sta succedendo”. La Camera Civile interviene anche riferendosi alla visita del Senatore del movimento 5 Stelle Morra, la quale “è stata presentata come un sopralluogo ispettivo sollevando discussioni e inasprendo gli animi senza apportare alcun contributo positivo alla vicenda in atto”. Inoltre si ricorda come  “Il Tar della Calabria ha respinto la richiesta contenuta nel ricorso presentato dal consiglio dell’ordine forense  di Rossano e dai comuni della Sibaritide, dunque, l’accorpamento del tribunale di Rossano a quello di Castrovillari va avanti”.

I disagi che si stanno vivendo in queste ore, sono i disagi iniziali che si stanno vivendo in ogni Tribunale interessato dall’accorpamento che siamo fiduciosi saranno superati”. Si ricorda infine nella nota che “il nuovo Tribunale di Castrovillari, è stato progettato sui requisiti di efficienza, funzionalità, sicurezza e comfort, costato 12 milioni di euro, è sicuramente il più moderno palazzo di giustizia della Calabria.

Si sviluppa su più livelli, sotto il Tribunale sopra la Procura. Ben 10 le aule di udienza, ognuna dotata di camera di consiglio, e poi uffici, archivi, bar, pronto soccorso, biblioteca, cancelleria, ufficio postale. Probabilmente, oltre alla importanza strategica per tutta l’area nord della provincia di Cosenza, per le esigenze peculiari di questo territorio, anche l’aver speso tanti soldi e ultimato una struttura cosi importante avrà inciso sulla decisione del governo di lasciare in vita questo Tribunale”.