Attraverso il Gac Bormas presentati progetti per Sant’Angelo e Torrepinta.
Sfruttare di più e al meglio i canali di finanziamento europei per garantire nuovi servizi e opportunità di sviluppo integrato al vasto comprensorio ionico e dell’Area urbana Corigliano-Rossano. È con queste premesse che abbiamo aderito al Gruppo di Azione costiera “I borghi marinari della Sibaritide”, certi che possa essere un ottimo strumento per continuare ad infrastrutturale la nostra Città, in modo tale da poter favorire la crescita produttiva del settore ittico-marinaro e turistico.

Nasce da qui l’idea di valorizzare, attraverso i fondi Fep, l’antico Fondaco di Sant’Angelo, partendo dalla ricostruzione dell’antico pontile in mare, e l’area di Torrepinta con la realizzazione di un corridoio di lancio per imbarcazioni.

Ad annunciarlo è l’assessore alle Attività produttive, Rodolfo Alfieri, ai margini del convegno informativo promosso dal Gac Bormas, di cui Rossano è partner, tenutosi lo scorso sabato 1 febbraio 2014, a Cariati.

L’intervento proposto dall’Amministrazione Antoniotti – dichiara Alfieri – si concretizza con la realizzazione di un pontile in mare, a completamento del nuovo impianto urbanistico di viale S. Angelo, e di una passerella di lancio in contrada Torrepinta. L’idea progettuale che abbiamo chiesto possa essere finanziata, rielabora di fatto l’antica struttura d’attracco presente sulle spiagge rossanesi a servizio del Fondaco e sintetizza le diverse istanze raccolte da cittadini e operatori, amatori e professionisti, del settore pesca. Il progetto, inoltre – continua l’assessore alle Attività produttive – s’inquadra in azioni atte alla valorizzazione integrata delle risorse ittico-turistiche. Infatti, l’area, una volta realizzata, sarà messa a disposizione degli operatori della pesca con l’obiettivo di aumentare il potenziale produttivo. Infatti – conclude Alfieri – l’impianto sarà usato per pesca turismo e per visite guidate all’Oasi Marina di Zolfara, consentendo, così, l’integrazione tra l’attività di pesca tradizionale ed il ricco patrimonio ambientale e faunistico marino.

Il Comune di Rossano – spiegano gli uffici – nell’ottica della valorizzazione e dell’accrescimento del potenziale produttivo del settore ittico che occupa un ruolo di primaria importanza nell’economia locale e perseguendo l’idea di un turismo sostenibile nelle aree di pesca, ha previsto, in località Torrepinta, la realizzazione di un corridoio di lancio, di uno scivolo in calcestruzzo e di due passerelle in legno; in località S. Angelo, nello specchio acqueo antistante, già individuato come area per attività di rimessaggio, la realizzazione di un pontile galleggiante.

I corridoi di lancio delimitano gli specchi d’acqua per l’atterraggio e la partenza delle unità da diporto. Il corridoio ha una larghezza di 10 m ed è disposto perpendicolarmente alla linea di battigia per una lunghezza di 150 m ossia il limite esterno delle acque riservate alla balneazione. Esso è delimitato con gavitelli di segnalazione distanziati ad intervalli di 20 m e collegati con sagole galleggianti; ogni singolo gavitello è ancorato ad un corrispondente corpo morto in calcestruzzo, disposto sul fondale, mediante catena di collegamento. Sulla battigia in adiacenza al corridoio di atterraggio sarà realizzata una piattaforma rigida in calcestruzzo pozzolanico per il varo delle barche.

Il pontile galleggiante è costituito da tre moduli collegati ognuno dei quali avente una lunghezza di 12 m e una larghezza di 2,50 m. L’area per attività di rimessaggio destinata agli addetti alla pesca verrà delimitata mediante struttura di recinzione costituita da pali in legno collegati con corda mediante appositi occhielli in acciaio. All’interno dell’area sarà realizzata una struttura di appoggio per argano elettrico. Per rendere ancor più agevole l’operazione di alaggio delle imbarcazioni sono stati aggiunti dei rulli in grado di garantire una portata di attracco d’imbarcazioni medio-grandi.