Le ipotesi che ritroviamo sulla stampa, ma che non hanno per ora alcuna conferma ufficiale, rappresenterebbero un primo risultato positivo della lotta che ormai portiamo avanti da venti giorni attraverso il presidio permanente del Comitato.

Tuttavia la nostra non è una battaglia di cortile: a dover essere escluso da questo scandaloso bando, emanato con modalità dittatoriali dalla Regione Calabria, è l’intero territorio della sibaritide, anche in virtù del fatto che proprio questo territorio, a differenza di quel che va affermando l’assessore regionale Pugliano da settimane, ha dato al resto della Calabria per anni ricevendo i rifiuti di tutti gli impianti della Regione.
LEGGI TUTTO