Cito testualmente dalle pagine on line del “Quotidiano della Calabria”:
L’amministratore considera la possibilità di utilizzare il Porto ma solo dopo avere eliminato le criticità previste nel bando. Che, comunque- afferma Geraci- “non può essere ritirato”- così come attendibili organismi hanno confermato. Il sindaco ha dato l’impressione di non potersi sbilanciare, ma ha lasciato tuttavia palesemente intendere che si discuterà di un eventuale ricorso all’istituto compensativo”
A nome di SEL ribadisco che il Bando regionale va respinto “tal quale”!

Che a tal fine ci opporremo con tutti i mezzi a nostra disposizione per respingere questa ennesima mortificante pagina di sudditanda nei riguardi di  chiunque si ostini a perseguire, con tenacia irritante , ipotesi di  dissoluzione civile,economica e sociale del nostro territrio.Quel bando non è suscettibile di miglioramento alcuno ,nè vi sono criticità “relative”,eliminate le quali si puo’ in qualche misura renderlo “fruibile”per il nostro territorio.La vera criticità è rappresentata da quel bando,che in quanto irricevibile ed inemendabile va ritirato senza se  e senza ma!E le decine di milioni di Euro previsti a supporto finanziario vanno immeditamente destinati alla raccolta differenziata.

    Angelo Broccolo SEL