Il giorno 24 u.s. si è tenuto un incontro sindacale, c/o la Centrale Enel di Rossano, tra il Direttore delle Risorse Umane dell’azienda Pellegrini SpA, Dott. Fabrizio Pedrazzini  e Dott. Silvano Rizzo e il segretario della FILCAMS CGIL comprensoriale Vincenzo Laurito, alla presenza dei 7 lavoratori dipendenti  addetti al servizio mensa della stessa Centrale, di cui 6 full time e 1 part time; oggetto dell’incontro: la drastica riduzione del personale causata, a detta dell’azienda, dalla riduzione consistente dei pasti giornalieri.

Secondo l’azienda, si dovrebbe ridurre l’orario settimanale dagli attuali 264 ore a 55 ore.  E’ una vera mannaia che si abbatte sui lavoratori, che prestano la loro attività da un trentennio, è perciò necessaria la convocazione di un tavolo allargato ad Enel Servizi,  al fine di scongiurare o comunque di trovare altre soluzioni, che contemplano il mantenimento occupazionale e reddituale dei lavoratori, percettori di un unico reddito. Per tali ragioni è indetto lo stato di agitazione dei dipendenti dell’azienda Pellegrini SpA, in attesa dell’incontro richiesto. I lavoratori, unitamente alla FILCAMS CGIL, auspicano la ricomposizione della vertenza, scongiurando così i paventati licenziamenti. Questo territorio deve porre con forza, il problema del rilancio produttivo del sito Enel di Rossano che viene lasciato morire, per la colpevole disattenzione  delle istituzioni locali e regionali e dalla politica che appare non interessata ai gravi problemi occupazionali del territorio.

Rossano 26 marzo 2014
Il segretario Gen.le  FILCAMS CGIL  comprensoriale
Vincenzo Laurito