La petizione sulla problematica dell’accorpamento del Tribunale di Rossano a quello di Castrovillari, inviata al Senato della Repubblica dall’avv. Pasquale Catalano e sottoscritta da altri cittadini e avvocati di Rossano, è stata annunciata all’Assemblea del Senato nella seduta del 1/04/2014. Tale notizia è stata data all’avv. Catalano con missiva del Senato del 4/4/14, ricevuta l’8/4/14.

Nella comunicazione, a firma del Consigliere parlamentare Avv. Barbara Giuliani, si legge che “la suddetta petizione reca il numero 1161 ed è stata assegnata alla 2^ Commissione permanente (Giustizia), competente per materia, alla quale ella potrà rivolgersi per qualsiasi questione in merito”. Nel verbale dell’assemblea del Senato si legge: “il signor Pasquale Catalano, di Longobucco (Cosenza), ed altri cittadini chiedono provvedimenti per risolvere i disagi ed i disservizi sorti a seguito dell’accorpamento del Tribunale di Rossano a quello di Castrovillari (Petizione n. 1161)”. Questo è un altro tassello che si aggiunge alle tante iniziative messe in atto da chi (COA, Associazioni, comitato di difesa, avvocati e cittadini) non intende rassegnarsi all’idea che il locale Presidio di Giustizia cessi definitivamente dopo una lunga e gloriosa storia di oltre 150 anni. Nei prossimi giorni verrà inviato alla Commissione Giustizia del Senato altro materiale e documenti che andranno a rafforzare quanto di già evidenziato nella petizione affinché inizi l’iter parlamentare che contribuisca a mettere fine a questa folle, ingiusta e paradossale vicenda della soppressione del Tribunale di Rossano. Rossano, 09 aprile 2014 Avv. Pasquale Catalano