E’ stata presentata, sabato 12 aprile all’interno della Biblioteca Diocesana con sede nel centro storico di Rossano, una nuova guida, di 42 pagine e illustrata completamente a colori, dedicata al Codex Purpureus Rossanensis che è stata tradotta in quattro lingue: italiano, inglese, francese e tedesco. Prossimamente la guida sarà tradotta anche in giapponese, cinese, arabo e russo.

Tale iniziativa, voluta dal Gal (Gruppo di Azione Locale) “Sila Greca” e dal suo infaticabile presidente Ranieri Filippelli, è finalizzata a promuovere l’importante manoscritto fuori dai confini regionali e nazionali. All’evento culturale, alla presenza di molte autorità e cittadini, hanno preso parte don Giuseppe Scigliano (Responsabile della Biblioteca Diocesana), Ranieri Filippelli (Presidente Gal “Sila Greca”), Mons. Antonio De Simone (Amministratore Diocesano), Stella Pizzuti (Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Rossano), don Pino Straface (Direttore del Museo Diocesano di Arte Sacra), Francesco Filareto (Estensore delle “Note Storiche”), Francesco Rizzo (Curatore e coordinatore della monografia). Interessanti gli interventi di tutti i relatori, nel corso della presentazione della nuova guida, i quali si sono soffermati sull’importanza di tradurre la storia del Codice Purpureo in diverse lingue per dare ampio risalto ad un documento, unico al mondo, in modo tale da richiamare a Rossano un turismo di massa e di qualità proveniente anche  da altre nazioni Europee. La nuova guida, voluta fortemente dal Gal “Sila Greca” di comune accordo con la Diocesi di Rossano-Cariati, sarà presente al palazzo del Quirinale dove è esposto il Codex Purpureu Rossanesis, al Museo Diocesano di Arte Sacra, ma anche in tutti gli eventi promossi dal Gal in giro per l’Italia e l’Europa.
ANTONIO LE FOSSE