Nella settimana appena trascorsa la nostra città ha ospitato due manifestazioni di Forza Italia, il Partito del Sindaco e dell’On. Caputo, con protagonista della scena, unitamente agli ospitanti ed altri rappresentanti istituzionali, la coordinatrice regionale del partito, On.le Iole Santelli. Ebbene in dette manifestazioni, i nostri, lungi dall’assumersi le responsabilità per il fallimento della azione politico-amministrativa

posta in essere da quella stessa maggioranza di centro-destra cui appartengono e che tanto peso ha avuto nel determinare la vittoria nella competizione elettorale del 2011 (come dimenticare la chiusura della campagna elettorale baci-abbracci di Peppe (Scopelliti), Geppino (Caputo) e Peppino (Antoniotti) in P.zza B. Le Fosse?), hanno ben pensato di assumere le vesti dei “verginelli”, scaricando responsabilità, rabbia ed accuse nei confronti dei vecchi alleati. Quegli stessi alleati, per intenderci, che essi tanto avevano ed hanno difeso, per esempio, allorché si è discusso di sanità, quando l’On. Caputo, intervenendo pubblicamente anche nei civici consessi ha sempre definito Scopellti un eroe che aveva portato a termine un giusto piano sanitario. Un piano sanitario che ha sconquassato i servizi nella nostra città e nel territorio, chiusura degli Ospedali di Cariati e Trebisacce, dimezzamento di quelli di Rossano e Corigliano, abbattimento dei LEA in percentuali illegali ed illegittime, unica area della intera Calabria penalizzata e dileggiata. Bene, quando si tirava in ballo Scopelliti ed il suo maldestro operato, il nostro è sempre intervenuto puntualmente a sua difesa, arrivando addirittura a parlare del nostro Ospedale come Ospedale delle Eccellenze. Analogamente per ciò che concerne la vicenda Tribunale: sempre a difesa di Scopelliti, chiamato addirittura a Rossano ed elogiato in un pubblico intervento proprio davanti al Palazzo di Giustizia, dove, viceversa, fiumi di fango venivano riversati dai nostri, Sindaco ed On.le Caputo, addosso all’On.le Iole Santelli, ritenuta responsabile (le espressioni usate dai nostri erano anche più pesanti)  della chiusura del Tribunale di Rossano, perché intervenuta con le sue doti a difesa del Tribunale di Paola.
A distanza di pochissimi mesi, con la scissione avvenuta all’interno del centro-destra ed il passaggio dei nostri in Forza Italia e di Scopelliti ed altri nel NCD, ecco il colpo di scena: Scopelliti ed i suoi alleati gli unici responsabili del fallimento e delle privazioni avvenute nel nostro territorio, l’On.le Santelli, nel frattempo divenuta coordinatrice regionale di Forza Italia, prima vituperata e dileggiata, ora osannata ed elogiata.
Questi atteggiamenti, che definire incoerenti è poco, denotano la pochezza della nostra classe politica e sono la causa dei continui scippi che il nostro territorio, se non cambierà definitivamente registro, sarà ancora costretto a subire.
La devastazione del territorio, l’azzeramento dei servizi, la chiusura degli uffici, il depauperamento dell’area urbana Rossano-Corigliano  è indice del fallimento dell’operato di un governo regionale di centro-destra di cui i nostri rappresentanti hanno fatto e continuano a far parte, anche con compiti istituzionalmente rilevanti.
Aver assistito inermi a detti scempi e a decisioni che hanno mortificato il territorio è senz’altro prova della incapacità di questi stessi rappresentanti di ergersi a tutela delle giuste rivendicazioni dei cittadini.
Abbiano i nostri rappresentanti l’umiltà di riconoscere il loro fallimento.
Il capogruppo PSI                        Il Capogruppo Sel
Leonardo Trento                         Ermanno Marino