Questa mattina al Tribunale di Rossano e Corigliano è stata scritta dal Senatore Buemi, componente della Commissione Giustizia del Senato, una pagina di autentica bella politica. In pochi minuti egli ha illustrato con estrema chiarezza le ragioni (in parte anche riprese dai precedenti interventi) del ripristino del nostro Presidio Giudiziario e al contempo l’errore commesso dai burocrati del Ministero appoggiati dagli infausti esiti della Commissione Ministeriale che nulla ha verificato della “Riforma”, bastandole piuttosto le sole dichiarazioni favorevoli dei Presidenti accorpanti.

Quindi, il Senatore, con coraggio, ha denunciato il fatto molto grave che, a sostegno di accorpamenti come quello di Rossano, sono state commesse una serie di illegalità da Organi dello Stato preposti invece alla tutela della Legalità. Questi concetti semplici e fortissimi sono stati enucleati con un rigore che Buemi ha assicurato trasferirà integralmente all’interno della Commissione e al Governo.
Non ha mancato inoltre si esortare i rappresentanti degli Enti Locali – primi i Sindaci di Corigliano e Rossano – ad essere uniti e a perseguire strategie di risposta alle gravi trascuranze degli ultimi Governi che vorrebbero abbandonare a se stessi questi luoghi strategici dopo averli privati ingiustamente ed in violazione della stessa Delega parlamentare, del principale presidio statale.
In modo lungimirante ha quindi indicato la strada da seguire ed ha fatto esplicito riferimento alla fusione tra comuni per invertire la tendenza allo spopolamento dei presidi amministrativi dello Stato già in atto.
Alla fine dell’Assemblea abbiamo riferito con soddisfazione al Senatore Buemi, raccogliendo il suo plauso, che 100 Associazioni  territoriali, tra le quali si annoverano quasi tutti i soggetti riuniti nel Comitato di Difesa, hanno chiesto la FUSIONE dei grandi Comuni di Corigliano e Rossano naturali sedi del ripristinando Tribunale.        
                               
IL SEGRETARIO
AVV. AMERIGO MINNICELLI