L’incontro organizzato nei giorni scorsi per richiedere al Ministro Orlando il decreto correttivo che salvi il Tribunale di Rossano dalla definitiva chiusura, ha fatto registrare le assenze importanti della deputazione parlamentare nazionale e del presidente della provincia di Cosenza. Assenze stigmatizzate dai partecipanti i quali intendono andare avanti con forza e determinazione.

Non hanno risposto all’appello gli on.li Marco Minniti, Stefania Covello , Enza Bruno Bossio, Ferdinando Aiello, Ernesto Magorno, Rosy Bindi, Carlo Guccione, Giovanni Dima, Nicola Adamo, Pietro Aiello. Tra i presenti : il sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, il vice sindaco di Corigliano Francesco Paolo Oranges, i Consiglieri regionali Giuseppe Caputo e Gianluca Gallo, i presidenti dei Consigli comunali dell’Area urbana Vincenzo Scarcello (Rossano) e Pasquale Magno (Corigliano), oltre ad una nutrita delegazione delle Giunte e delle Assemblee civiche di entrambe le Città, di cittadini, avvocati e della Chiesa diocesana. In evidenza anche la latitanza, per la prima volta, dei sindaci del basso jonio. Tra le ipotesi caldeggiate a fine incontro: l’acquisto di una pagina di un giornale a caratura nazionale perché si renda nota la situazione del tribunale di Rossano; la richiesta di un incontro al ministro Andrea Orlando.