Disoccupato presidia l’ingresso del Comune alla ricerca di un lavoro

Lunedi’ incontrerà il Sindaco.
Il dramma del lavoro che non c’è purtroppo investe in maniera forte il nostro territorio. Tanta gente riesce a superare queste difficoltà come meglio possono altri, invece, raggiunto il limite di sopportazione danno vita a forme di protesta anche clamorose, proprio allo scopo di richiamare l’attenzione delle istituzioni verso la loro drammatica situazione di disoccupati. Nella mattinata di ieri a Rossano si è registrata la protesta di un quarantasettenne, A.P., sposato e padre di quattro figli, disoccupato di lungo corso

che armato di cartelli e striscioni ha presidiato l’ingresso del comune di piazza Santi Anargiri alla vana ricerca di poter incontrare il sindaco oppure un assessore. L’uomo che non è nuovo a queste forme di protesta, fino a qualche anno fa ha lavorato con la ormai ex società Sibaritide che lo ricordiamo era impegnata nella raccolta dei rifiuti, ma adesso non riesce in alcun modo a fare fronte alle esigenze della famiglia. Così ieri mattina ha cercato di parlare con un amministratore del comune di Rossano, ma per tutta la mattinata nessuno si è fatto vivo. Sul posto è intervenuto personale della Digos della Polizia di Stato che si è messa in contatto con il sindaco Antoniotti e riuscendo a fissare un incontro con il disoccupato per lunedì mattina. Dopo avere ricevuto queste assicurazioni il quarantasettenne ha lasciato il presidio ed è tornato a casa.

     Giacinto De Pasquale