Stamane davanti al comune di Rossano gli operai della ditta Ecoross addetta alla raccolta rifiuti di Rossano hanno tenuto la prima giornata di sciopero in piazza ss. Anargiri. I Lavoratori di FP CGIL e Uil Rossano hanno chiesto ed ottenuto di essere ricevuti dal Comune nella sua qualità di stazione appaltante. Presenti il Dr. Alfieri, Ass. all’ambiente, il Presidente della comm. Bilancio Chiarello ed il Segr. Gen. Com. Avv. Midonno.

Per la CGIL presenti il Segretario generale Gino Di Minco ed i colleghi Francesco Spingola e Andrea  Ferrone, oltre alla RSU ed al rappresentante della UIL di Rossano. Nel corso dell’incontro i  rappresentanti sindacali ed i lavoratori hanno espresso le loro ragioni con determinazione evidenziando il loro diritto al completamento dell’orario di lavoro che attendono ormai da oltre quindici anni precisando che respingono con decisione  le provocazioni dell’azienda che con l’atteggiamento assunto vorrebbe innescare una contrapposizione tra lavoratori part-time, a tempo determinato e interinali. Hanno inoltre evidenziato l’inaccettabile comportamento della Ecoross che nonostante l’impegno ufficiale assunto in sede istituzionale di presentare una proposta alle parti sociali entro il 20 agosto 2014 ancora oggi nulla ha fatto pervenire rifugiandosi dietro ingiustificate ed ingiustificabili incompatibilità di bilancio nonostante continui ad utilizzare in modo costante lavoro a tempo determinato e lavoro interinale.
Dov’è finita l’azienda da allora? Dov’è la proposta ? Perché si continua ad addossare al sindacato ed ai lavoratori  responsabilità che sono soltanto ed esclusivamente dell’azienda? L’atteggiamento aziendale di chiusura  ha creato un clima teso tra i lavoratori che oggiAggiungi un appuntamento per oggi hanno pacificamente ma duramente contestato tale fatto dinanzi al Comune.  Infatti, nel corso dell’incontro, anche l’Amministrazione comunale ha ricordato tali impegni a suo tempo presi ed ha inteso, dopo ampia discussione, convocare un incontro ufficiale tra le parti da tenersi in sede comunale per il prossimo 6 di ottobre. Tale occasione sarà utile per chiarire all’azienda Ecoross che non v’è spazio per il degenerare della discussione e che il sindacato, come sempre responsabilmente, manterrà le proprie posizioni anche a costo di prolungare la mobilitazione ed informare gli organi competenti a partire dal Prefetto di Cosenza. In tale ottica, accogliendo la richiesta dell’Ente, si è deciso di  sospendere lo sciopero e di aggiornare la discussione al 6 ottobre p.v..
Come OO. SS. RSU aziendale e lavoratori auspichiamo il prevalere del senso  di  responsabilità di tutti nell’interesse  non solo dei lavoratori ma di tutta la cittadinanza rossanese che ha il diritto di usufruire del miglior  servizio raccolta rifiuti, quest’ultimo da sempre in Calabria settore disgraziato ed alle prese con continui problemi di mala gestione regionale e igiene pubblica dei nei comuni.

                
                          FP Cgil comprensoriale         UIL Rossano      RSU Ecoross Cantiere di Rossano