Giorno 22/12/2014, presso il salone della Cisl zonale di Rossano in via Margherita si è svolto incontro dibattito sul libro “FORSE NON TORNO”. Iniziativa organizzata dall’ Associazione GIOVANI CISL AREA ROSSANO-CORIGLIANO. “Forse non torno” è il titolo del libro di Giovanni B . Algieri.

La sala gremita di tanti giovani, lavoratori e pensionati ha suscitato interesse e ha un dibattito. Al tavolo della presidenza Michele Sapia Segr. Zonale Cisl “Ionio Sila” , Tania Accroglianò, Resp.le Associazione GIOVANI CISL Area Rossano-Corigliano e l’autore del libro. Ad aprire il dibattito la responsabile Accroglianò, che ha introdotto i lavori facendo riferimento all’attuale situazione di grave disagio occupazionale che i giovani si trovano ad affrontare, un contesto complesso, dal quale è difficile uscire. Ogni giovane ha diritto di vivere con dignità e hanno anche diritto ad una opportunità per realizzarsi tramite il lavoro che deve essere inteso come un diritto, noi tutti non dobbiamo mai abbandonare la capacità di perseverare e lottare nonostante la crisi e le difficoltà economiche sfidando rimanendo nella nostra terra di nascita. Mentre, il Segr. Zonale Michele Sapia ha messo in risalto il ruolo del sindacato, della Cisl in particolare in un contesto attuale in forte crisi sociale e etica. Siamo un sindacato della proposta. 100% sindacato. Vogliamo continuare a stare tra la gente, fare solidarietà, fare concertazione e tutelare i lavoratori e pensionati. Poi, ha definito i giovani calabresi che restano in Calabria i veri EROI di questa martoriata e affascinante regione. La forza di non arrendersi deve scaturire, continua Sapia, nuove opportunità lavorative, valorizzando le immense risorse naturali che il nostro territorio possiede, modernizzando quei settori strategici come agricoltura, turismo verde e aree rurali che hanno bisogno di nuove idee di tanta cooperazione tra i giovani di oggi. È necessario, insieme, avviare, per valorizzare qst territorio, la tanto attesa fusione tra i due comuni limitrofi per evitare ulteriori mortificazioni e l’aumento del tasso di disoccupazione giovanile. L’autore, durante l’incontro, ha raccontando la sua vita e il suo libro, oggi Algieri è esempio del lavoro che manca, difatti vive e studia a Londra. Prendendo spunto dalla sua stessa esperienza che decide di scrivere questo libro che narra di storie meridionali di chi parte e di chi resta. La Cisl e i giovani, conclude la nota stampa, ha organizzato questo interessante momento di confronto,apprezzato da tutti gli intervenuti, per sollecitare politici, le istituzioni locali e regionali su un tema strategico come quello del lavoro fortemente legato alla tutela e valorizzazione delle risorse naturali del territorio.