Analizziamo le gare della prossima giornata di campionato con particolare riguardo per le compagini calabresi. 
In serie B,  Ternana-Crotone è una sfida salvezza tra due squadre separate da soli 4 punti. Gli umbri, con sei vittorie e otto pareggi, hanno chiuso il girone d’andata con 25 punti ed un quattordicesimo posto in classifica e sono reduci dalla sconfitta di Varese per 2–0.

I ternani non possono sbagliare perché una vittoria del Crotone accorcerebbe notevolmente le distanze, tenendo conto che i rossoblù hanno raccolto più punti in trasferta che in casa. Tesser ha qualche defezione, soprattutto Ferronetti che ha svolto lavoro differenziato,  mentre sono tornati in gruppo Crecco, dopo l’impegno in azzurro con l’Under 20, e Popescu guarito dall’influenza. Il Crotone dalla sua proverà a fare risultato in Umbria, dopo la boccata d’ossigeno presa con il pareggio di Chiavari, ma consapevole del fatto che è arrivata l’ora di iniziare a vincere sul serio. Le quote scommesse di questa web specializzata, d’altronde, registrano proprio gli ultimi miglioramenti dei ragazzi di mister Drago. Tra i calabresi ancora in dubbio Dezi che ha lavorato a parte, mentre Modesto, colpito da influenza, potrebbe non farcela. Si sono invece aggregati alla squadra anche i due neo acquisti Cordaz e Matute.
In Lega Pro sfida interessante tra Savoia e Lamezia: i padroni di casa, terzultimi con 14 punti all’attivo, sono in piena lotta per non retrocedere e hanno vinto una sola partita nelle ultime 16, contro la Reggina, lo scorso dicembre; il Lamezia ha un andamento discontinuo, ma con una posizione in classifica abbastanza tranquilla, forte dei suoi 25 punti. I calabresi non sono però in un buon momento, essendo reduci da tre pareggi consecutivi e non vincono dallo scorso 9 novembre (da allora 4 pareggi e 4 sconfitte). A tutto ciò si aggiunge l’assenza del bomber Del Sante (8 gol), squalificato.
La Reggina invece se la vedrà con la Paganese, con l’obbligo dei 3 punti per provare a risollevare una classifica drammatica, peggiorata dai punti di penalizzazione. Spicca però il big match, nonchè derby giallorosso, tra Catanzaro e Benevento. In casa Catanzaro, le voci di mercato, ma soprattutto le cessioni illustri, stanno turbando non poco l’ambiente: quasi certo il passaggio di Vacca alla Reggiana; in bilico anche la permanenza di Russotto, corteggiato da molte società. Tutto ciò si aggiunge alle cessioni eccellenti di Morosini a Savona e Fofana al Lanciano. 
Ma ci sono anche voci in entrata: si parla di un interessamento per Betancourt, del Bologna, che qualcuno definì il nuovo Cavani un paio di anni fa, ma che sarebbe un ottimo innesto per mister Sanderra che contro il Benevento dovrà fare a meno dello squalificato Ferraro. 
Il Catanzaro, ottavo con 30 punti, ha bisogno di una serie di vittorie per tentare la corsa alla zona playoff, un’impresa al momento lontana 7 punti, ma che gli esperti di scommesse sul calcio betfair danno ancora per possibile.
Sicuramente vincere contro la capolista rapprenterebbe un’iniezione di morale oltre che per la classifica in sè. Non sarà facile però, date le assenze di Russotto (miglior marcatore con 5 reti) e probabilmente di Kamara, il cui contratto potrebbe essere rescisso nelle prossime ore. Tuttavia c’è fiducia nell’aria, grazie al trend positivo in casa, dove, in 11 partite tra campionato e coppa Italia, i calabresi hanno ottenuto 7 vittorie, 1 pari  e 3 sconfitte.
Il Benevento di Brini dal canto suo è in gran forma, è in testa alla classifica con 43 punti e due di vantaggio sulla Salernitana. I campani inoltre, sono reduci da un tre vittorie consecutive contro Ischia, Juve Stabia e Cosenza e non perdono dallo scorso novembre , 2-1 sul campo del Lecce.
Per domenica Brini dovrà fare a meno dei lungodegenti De Falco e Doninelli, ma dovrà anche valutare le condizioni di D’Agostino, Pezzi e Piscitelli, con il terzo in forte rischio rispetto ai primi due.