Il rilancio del Centro storico bizantino passa per il Pisl “Crosspro”, con un investimento di 5 milioni di euro, da suddividere tra le due realtà limitrofe di Rossano e Corigliano. Investimenti destinati a sostenere interventi pubblici e privati, per l’insediamento di nuove attività produttive nella parte alta della città di Rossano.

Dopo i fondi della Zfu (Zona franca urbana), che hanno reso ben poco in termini di aumento dei livelli occupazionali, per la distribuzione a pioggia degli esigui finanziamenti ai singoli richiedenti, adesso si tenta la carta del “Centro commerciale all’aperto” o “Via dell’artigianato” da allocare nel Centro storico. Una buona idea, che ricalca i “temporary store” o gli “outlet” di altre realtà italiane. Nell’Area urbana Cor-Ros si assiste da tempo alla chiusura di centri della grande distribuzione, sia alimentare che dell’elettronica, dell’abbigliamento e della ristorazione, per far posto alle “cineserie” in grande stile. Occorre un’inversione di tendenza, che rilanci i centri storici che risentono dell’abbandono e dello spopolamento, derivante anche dall’invecchiamento degli abitanti. Negli anni ’90 il centro storico ospitò, nel periodo estivo, le famose “Botteghe aperte” che richiamavano turisti da ogni dove. Adesso, basta dare un’occhiata sulla centralissima Piazza Steri, un tempo il salotto buono della città, dove regna il deserto quotidiano. Mesi addietro, gli enti interessati hanno approvato i protocolli d’intesa, i progetti e la lista e delle operazioni, per la selezione di Pisl del Por Calabria Fesr 2007/2013 per i “Sistemi territoriali tematici”. I due Comuni limitrofi rappresentano l’ambito territoriale indicato con il numero 49 dalla Regione Calabria. Il progetto Crosspro, redato dall’Ufficio Europa del Comune di Rossano (capofila), prevede una serie di interventi nell’ambito delle attività produttive che i privati possono attivare. I finanziamenti serviranno a garantire un regime di aiuto alle imprese dell’Area urbana Cor-Ros. Il Pisl Crosspro punta a strutturare e qualificare l’offerta di servizi per le attività industriali, a favorire la nascita e messa a rete delle botteghe artigiane per la valorizzazione dell’artigianato locale (quello tipico in particolare), a supportare la valorizzazione commerciale dei centri storici attraverso la realizzazione di un centro commerciale naturale. Il Pisl Crosspro è un progetto di sviluppo realizzato nel contesto dell’area urbana, con il partenariato istituzionale del Consorzio di sviluppo industriale della provincia di Cosenza, e che vede come soggetto capofila il Comune di Rossano. Altri partner sono: l’Associazione commercianti Rossano, Assoproli, Azicor, l’associazione “S.I rene attività produttive”, la Confartigianato, la Confcooperative Calabria, Confesercenti, Federimprese Calabria, Gal Sila Greca e Coldiretti.
Pietro Gaccione
 
fonte: Il Garantista