E’ di circa 200.000 euro (tra indennità agricole, sussidi di maternità e malattia illegittimamente erogati e contributi Inps dovuti e non versati) l’ammontare della truffa, operata da uno pseudo imprenditore agricolo del rossanese, perpetrata ai danni dell’INPS, scoperta dai finanzieri della Compagnia di Rossano al termine di un’articolata e complessa attività investigativa, condotta a tutela delle uscite del bilancio dello Stato. L’indagine delle Fiamme Gialle, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari, ha consentito di appurare il modus operandi posto in essere dal citato imprenditore, per consentire a terzi la percezione delle indennità previdenziali ed assistenziali in argomento.
LEGGI TUTTO