Apprendiamo da fonti giornalistiche che, giorni addietro, il movimento politico dei Giovani Democratici Rossano ha pubblicato un comunicato stampa nel quale stigmatizzava fermamente l’operato dell’Amministrazione Antoniotti.

Orbene, alla luce di quanto emerge, ci rendiamo conto che il settore giovanile del PD, di sobbalzo, si è risvegliato dal lungo letargo protrattosi fino ad oggi ricordandosi solo ora di fare opposizione. Tale torpore è la conseguenza inflitta, quattro anni fa, dalla popolazione rossanese agli uomini dell’esecutivo Filareto stante il risicato numero di eletti che a tutt’oggi siede gli scranni dell’assise civica.
Ebbene, a tal uopo, addentrandoci nei meandri della loro dissertazione, vogliamo rinfrescare la memoria ai Giovani Democratici ricordando loro la fallimentare e disastrosa esperienza dell’Amministrazione di centro sinistra.
I Giovani Democratici, proprio perché troppo giovani, non ricordano ad esempio l’immane buco economico provocato, senza alcun motivo, dall’esecutivo Filareto il quale, al momento del suo insediamento, ereditò, dal governo uscente di centro destra, un corposo avanzo di bilancio. I Giovani Democratici, evidentemente troppo giovani, non ricordano la serrata opposizione propositiva che, in illo tempore, facemmo all’esecutivo di centro sinistra.
I rossanesi, senza ombra di dubbio, non dimenticano la brutta esperienza amministrativa patita in quel periodo poiché Rossano era una Città ferma e immobile in tutti i suoi settori. Rossano, a differenza di quanto affermano i Giovani Democratici, non è la Città delle piazze, bensì una realtà nella quale l’attuale esecutivo, in questi quattro anni, ha garantito in maniera continuativa: l’assistenza fisica agli anziani; l’assistenza nel settore dei servizi sociali; il servizio mensa nelle scuole; la sicurezza attraverso il sistema di videosorveglianza; la cura parsimoniosa dell’ambiente e del verde pubblico; la riqualificazione di zone periferiche, del centro storico e dello scalo cittadino lasciate nell’incuria dall’esecutivo Filareto.
Quel governo di centro sinistra, altresì, non fece altro che sfregiare progetti di opere pubbliche creati dal centro destra. L’Anfiteatro nel centro storico è l’esempio vivente di quel barbaro sfregio il quale, biasimato pubblicamente da noi nel 2010, oggigiorno segue per filo e per segno l’originario progetto.
Cari Giovani Democratici, tutti abbiamo contezza delle miriadi di problematiche presenti nel nostro Territorio e certune, addirittura, sono state volontariamente causate da scelte scriteriate da parte di quel governo centrale che tanto vi rappresenta. Una tra tante l’annosa questione concernente la soppressione del Tribunale di Rossano dove, tra promesse fallaci di alcuni vostri “eroici” dirigenti locali e nobili gesta di Generali senza Patria, non siete riusciti a ben interloquire con i vostri rappresentanti nazionali o intercedere direttamente col vostro “rivoluzionario” Capo del Governo al fine di salvare il nostro presidio giudiziario. Pertanto, fare opposizione vuol dire, essenzialmente, elaborare delle concrete contro proposte affinché si offrano pregnanti contributi alla Città, evitando, così, di denigrare ripetutamente il lavoro messo in atti da Amministratori i quali, con onore, fatica e dedizione, operano per il bene di Rossano.
La politica è e deve essere una missione tesa al bene della popolazione e della cosa comune e, al di la di ogni colore politico, non la si può di certo utilizzare quale mero strumento per effondere odio.
Il consenso si miete con la fattività costruttiva degli intenti tesi, sicuramente, a far crescere un territorio evitando di effondere un malessere fondato sul nulla.
Pertanto, in conclusione, vi consigliamo vivamente di mettere in atto proposte concrete per la risoluzione di ogni problematica evitando di spargete gratuitamente fanghiglia nella Città e tra i cittadini.
                                                                                          

                                                                                       Forza Italia Giovani Rossano
                                                                                               – Dott. Antonio Stasi –