Se non si è in grado di ottemperare quanto dovrebbe essere compito precipuo e primario e, cioè ,organizzare,  ci si astenga!
Procediamo con ordine, anche al fine ( una volta ogni tanto) di tamponare, o bloccare sul nascere, eventuali articoli giornalistici, magari anche  online,  elogiativi e trionfalistici per la serie ..tutto va bene madama Doré.

Protezione Civile e Croce rossa Italiana ( comitati locali ), organizzano per giorno 24 aprile, una prova di evacuazione in situazione di emergenza, nel campo sportivo “ Stefano Rizzo “ di Rossano, invitando e coinvolgendo le Scuole di ogni Ordine e Grado del Territorio. Iniziativa lodevole, fondamentale, direi doverosa e indispensabile; sappiamo bene come la “nostra” Calabria sia ad altissimo rischio sismico.
E’ la seconda volta che viene organizzata una prova del genere. Già due anni fa, la simulazione, per come era stata condotta ed organizzata aveva lasciato perplessi, non solo il sottoscritto…questa volta si è toccato il fondo. Non mi sognerei mai di mettere in dubbio competenze, capacità e professionalità: quello che lascia sconcertati è il caos organizzativo. Non si possono coinvolgere centinaia di alunni (dai bambini agli adolescenti) e numerosi docenti e poi lasciarli in balìa di se stessi. Sanno, realmente, gli esperti della Protezione civile, cosa vuol dire, per un docente, avere, specie per  simili eventi, la “ responsabilità” anche di un solo ragazzo ? Ma cosa è successo realmente ?
1) -Al suono della campanella, nell’area di attesa ( mi riferisco all’Istituto Comprensivo 3 “ Roncalli” ), diversamente da quanto era stato scritto ( 16 Aprile 2015..prot. 243/15 )..nessun volontario ( eccetto una “responsabile”,  esclusivamente presente per accudire gli alunni..disabili ); lo “ S.Rizzo”, è stato raggiunto con la guida dei docenti e dei Vigili Urbani ( a meno che i Vigili non vengano considerati..volontari);
2) -Giunti nello stadio, nessuna indicazione ( non è la prima volta), pur presenti numerosi “ addetti”..zitti e muti e allineati;   non so quale arcano sortilegio impedisce la semplice, elementare operazione di “ accogliere” e “guidare” alunni e insegnanti…quasi non fosse problema di “loro” competenza. Cosa fare ? Dove andare? Ci si muove intuitivamente, secondo il buon senso dei docenti ( che non sono esperti di Protezione civile );
3) – Appollaiati alla meno peggio sugli spalti, in attesa del grande evento ( sic!), dopo circa venti minuti, da un altoparlante, parte un repentino ordine (quanto meno azzardato ): radunarsi sul terreno di gioco! Tutti ( centinaia), si fiondano sullo stesso, spiazzando gli stessi docenti;
4) – Sul “ tappeto”, si palesano scene agreste. A mò di quadri di Monet e scampagnata “fuori porta”; un volenteroso pastore tedesco dà prova delle sue competenze nel rintracciare persone smarrite…e beato chi vede e chi comprende.
5 ) – Cosa abbiamo visto o intravvisto: l’abilità di un cane, un ‘autoambulanza, improvvisamente materializzatasi e sfrecciante a sirene spiegate,  sul terreno di gioco ( con qualche rischio tra i tanti alunni in ben altre faccende affaccendati e disposti in gruppetti estemporanei ).
Ora mi chiedo:costava tanto non dare indicazioni generiche ( a volte nemmeno quelle..) e realizzare un dettagliato depliant con scansione cronologica delle varie performance…come disporsi….dove accedere…non è anche questo il compito di chi è deputato a gestire, guidare, organizzare ?
Insomma, a volte nel fare polemica si viene tirati per i capelli. Tanto rumore per nulla; la montagna ha partorito il topolino. Ma l’aspetto più preoccupante è l’effetto opposto ottenuto.Le giovani generazioni ne sono usciti delusi e disorientati, affatto tranquillizzati. Le buone intenzioni, a volte, non bastano. Diciamo che questa volta la ciambella è uscita senza buchi..andrà meglio la prossima ? Io spero nella Madonna Achiropita..che tenga  il più lontano possibile  sciagure e calamità.

N.B. La circolare suddetta,chiedeva anche il motivo per il quale alcuni Dirigenti hanno inteso non aderire.
Beh, forse, la risposta è nell’articolo suddetto.

                        Prof. Aldo Lucisano RSPP
                        (istituto Comprensivo3” Roncalli”)-ROSSANO