Sarebbe una Lancia Lybra intestata a una persona di Rossano il mezzo che mercoledì (forse) ha ucciso il 19enne Salvatore Turano
Il povero motociclista Salvatore Turano, morto ad appena 19 anni d’età durante la serata di mercoledì 13 maggio scorso a seguito d’un tragico incidente stradale avvenuto a Corigliano Calabro lungo la “bretella” che collega la frazione Villaggio Frassa alla Statale 106 jonica, sarebbe stato investito da una seconda auto – un’“auto pirata” con una persona alla guida subito fuggita via –

dopo lo scontro frontale con la Citroen Xsara alla cui guida v’era la 27enne coriglianese Immacolata Esposito, ancora ricoverata per le ferite riportate presso l’ospedale dell’Annunziata di Cosenza.
E il particolare emerso nelle ultime ore è proprio la possibile individuazione dell’“auto pirata” da parte dei carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della locale Compagnia, ai quali la Procura di Castrovillari ha delegato le indagini sull’intricatissimo sinistro stradale che ancora e tuttora non ha una dinamica certa ed esatta.
LEGGI ARTICOLO COMPLETO