Rossano ed i rossanesi hanno dato esempio di grande maturità, hanno dimostrato una dignità ed una forza fuori dal comune, a dispetto di tutto e di tutti. Un grazie, per quanto ci riguarda, va principalmente a tutti quei volontari, i quali, lontano dai riflettori, solo per alto senso di solidarietà ed altruismo, hanno portato i soccorsi nelle zone più particolarmente colpite dall’alluvione e, stranamente, non particolarmente attenzionate dagli interventi della Protezione civile.

Ma, ripetiamo, non è questo il momento delle polemiche, non abbiamo puntato il dito contro nessuno, in questi giorni abbiamo preferito il silenzio alle parole e frasi di circostanza, abbiamo sofferto unitamente alla intera cittadinanza per i danni che l’alluvione del 12 agosto ha creato e, purtroppo, continuerà a creare a tanti nostri concittadini, molti dei quali hanno visto svanire nel nulla i sacrifici di una intera vita, perché ritenevamo e riteniamo non giusto speculare su simili tristi eventi, che hanno profondamente scosso la sensibilità di ogni essere umano. E’il momento questo in cui la classe politica unita, senza distinzioni di sorta, deve stare al fianco dei cittadini, in specie dei più bisognosi, cercando di lenire le difficoltà e contribuire, per quanto possibile, alla ripresa ed al ritorno alla normalità. In questa ottica, riteniamo inopportuno ed inadeguato il termine del 18 AGOSTO ASSEGNATO DALL’AMMINISTRAZIONE PER L’INOLTRO DELLE DOMANDE DI RISARCIMENTO DANNI, termine che, considerati anche i giorni festivi del 15 e 16 agosto, consentirà solo a pochi di poter ricorrere agli aiuti dello Stato. DETTO TERMINE VA NECESSARIAMENTE PROROGATO, DI MODO DA CONSENTIRE A TUTTI I DANNEGGIATI DI POTER RICORRERE AGLI AIUTI. L’amministrazione comunale deve correggere il proprio provvedimento.

I GRUPPI DI OPPOSIZIONE ROSSANO .