La depurazione delle acque presso gli impianti cittadini è perennemente monitorata. I depuratori funzionavano a giugno, funzionano ora e nel limite della loro operatività hanno funzionato anche durante il periodo dell’alluvione. Lo confermano le analisi, che vengono effettuate di continuo.

Sicuramente c’è stata una fase critica nei giorni successivi al nubifragio del 12 agosto che, a causa del grande afflusso di acqua negli impianti, ha visto il dissolversi dei fanghi di sedimentazione che per qualche giorno, fino alla loro ricomposizione, non hanno consentito di chiudere al meglio il ciclo di purificazione. È stato in questo lasso di tempo che sono stati effettuati i controlli da parte della Capitaneria di Porto che ha riscontrato delle anomalie e posto sottosequestro i depuratori di Seggio-Amica e Piragineti. Certo, l’inadeguatezza di queste tre strutture nel far fronte alle esigenze di una popolazione di oltre 40mila abitanti è palese. Lo diciamo da sempre. Ed è anche per questo che l’Esecutivo Antoniotti ha riservato massima attenzione al progetto del più grande e adeguato depuratore consortile che, dopo aver ricevuto le autorizzazioni del Ministero dell’Ambiente e della Regione Calabria, è ormai prossimo alla cantierizzazione.

Ad illustrare e chiarire il funzionamento dei depuratori comunali, affidati ormai da oltre un anno alla gestione di una società privata, è l’assessore all’Ambiente Natalino Chiarello che, sulla questione, ieri pomeriggio (martedì, 6 ottobre) ha relazionato nel corso della consueta riunione di maggioranza.

La vicenda è chiara – afferma Chiarello – e chi la strumentalizza per aizzare polemiche, sicuramente non lo fa nell’interesse della comunità. Anche perché prima di argomentare su una tematica così complessa e delicata, come la depurazione delle acque, bisognerebbe informarsi a fondo e non circoscrivere e commentare i dati a proprio tornaconto, omettendo, altre contingenze inconfutabili. Mi riferisco alla polemica imbastita attorno alla presunta disfunzione del depuratore di Seggio-Amica. Le acque purificate vengono riversate nel torrente Coserie e tutte le analisi chimico-fisiche compiute allo scarico non hanno rilevato alcuna criticità se non nel circoscritto periodo dell’alluvione. Chi sostiene che l’impianto possa essere fonte di inquinamento ambientale in quell’area, tralascia in modo grave di evidenziare che nello stesso torrente sversa anche l’acqua d’irrigazione delle condotte di altri Enti e che la stessa fiumara può essere soggetta ad innumerevoli cause di contaminazione.

Apprezziamo – prosegue Chiarello – l’attività d’indagine della Capitaneria di Porto svoltasi nel contesto dell’operazione Mare sicuro, di cui il Comune di Rossano differentemente da altre realtà municipali è stato co-finanziatore, mirata ovviamente a tutelare la salubrità delle acque e la salute dei cittadini. Rileviamo, però, che facendo riferimento all’Art.156 del Testo unico ambientale e alle novità introdotte nel decreto legge 152/2006, probabilmente i controlli sugli impianti di depurazione avrebbero potuto avere una cadenza temporale differente. In quanto, proprio la normativa in materia – spiega ancora l’assessore all’Ambiente – stabilisce e prevede che in caso di eventi meteorologici straordinari che possano determinare guasti eccezionali, come appunto la de-sedimentazione dei fanghi, la messa a regime del depuratore non può avvenire prima di sei settimane dall’accaduto. Dunque, è un dato del tutto normale e già preventivato l’aver riscontrato delle anomalie. Che rimangono comunque un evento eccezionale, considerato che i controlli avvengono insistentemente.

Senza dubbio – precisa ancora l’Assessore – non possiamo essere soddisfatti della funzionalità degli impianti cittadini che rimangono sottodimensionati rispetto alle reali esigenze dell’utenza. Non a caso prima dell’estate avevamo chiesto un finanziamento di 1,7milioni di euro alla Regione per la manutenzione straordinaria dei sistemi di depurazione, ma ne sono stati riconosciuti solo 50mila. Ma sappiamo che il complesso problema della depurazione delle acque nell’Area urbana sarà del tutto risolto con la realizzazione dell’impianto consortile. A proposito per il prossimo 14 ottobre è stata fissata la conferenza dei servizi che, dopo le autorizzazioni regionali e ministeriali, dovrebbe dare il via ai cantieri.