Sono pronto a continuare ad offrire il mio servizio alla Città. Non era assolutamente in dubbio. E sono pronto a farlo sulla scorta di un’esperienza amministrativa difficile ma positiva caratterizzata dal grande gioco di squadra: della Giunta, della Maggioranza e di quanti in questi anni si sono aggregati alla nostra esperienza, apportando nuovi valori. Sono certo che è necessario proseguire questo grande lavoro senza remore né tentennamenti.

E sono sereno perché abbiamo aperto un grande cantiere politico-amministrativo, sicuri di aver fatto quanto umanamente possibile nel solo interesse di una Città governata innanzitutto con il cuore. Ora per mettere a frutto quanto seminato, con tanta difficoltà in questa prima consiliatura, è opportuno andare oltre. Oltre, innanzitutto, alle difficoltà che la circostanza dei tempi ci ha posto di fronte. Dobbiamo continuare a portare avanti insieme il progetto politico iniziato nel 2011, con la consapevolezza che abbiamo gambe forti per camminare e raggiungere gli obiettivi prefissi.

Ormai alle porte della prossima consultazione elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale della Città, il sindaco Giuseppe Antoniotti, rispondendo alle diverse sollecitazioni poste dalla stampa locale alle volte anche in modo provocatorio, annuncia la sua disponibilità ad essere ricandidato alle Amministrative del 2016 per il secondo mandato da Primo cittadino.

Credo sia innanzitutto un dovere – dichiara Antoniotti – nei confronti della cittadinanza e di quanti mi hanno sostenuto, prima in modo plebiscitario alle elezioni del 2011 e poi nel corso di questi anni di esperienza amministrativa, rimettermi in gioco per proseguire questo percorso di governo. Non poteva essere diversamente. E lo faccio con determinazione ed entusiasmo, convinto di aver dato massima priorità a Rossano e ai rossanesi. Abbiamo operato in un contesto socio-economico difficile, senza precedenti e che, nostro malgrado, non può porci di fronte ad alcun paragone. Viviamo, infatti, in un territorio che sta affrontando con dignità ma anche con tanta amarezza la mutevolezza dei tempi dove mancano lavoro e prospettive. E questo per colpa di scelte politiche nazionali che penalizzano il Meridione. Ecco perché è necessario poter dar seguito ad un progetto politico che ha acquisito un’esperienza credibile e che è rimasta sempre attenta alle necessità della gente. In questo primo mandato elettorale, ormai al termine, abbiamo garantito alla Città la solidità di una Maggioranza che, grazie anche al proficuo e costante confronto interno, ha sempre saputo trovare la sintesi per affrontare le questioni della collettività. Non ci siamo fermati davanti a nulla. Abbiamo lavorato nel solo interesse dei cittadini. È stato così anche nelle battaglie a tutela dei diritti del territorio. Così come con orgoglio rivendichiamo l’impegno e la dedizione posta nelle grandi progettualità mirate allo sviluppo della Città e dell’Area urbana.

Senza timore di smentita – aggiunge il Sindaco – questa Amministrazione comunale ha raggiunto risultati storici. Ricordo i circa 24 milioni di euro per la realizzazione del depuratore consortile, un progetto che fino al 2011 sembrava una chimera e che oggi sta per diventare realtà. O ancora, la Zona franca urbana che ha rilanciato le prospettive economiche degli esercenti del Centro storico. E poi i Progetti integrati di sviluppo locale (Pisl) e i Piani locali per il lavoro (Pll) volti ad incentivare l’occupazione giovanile e l’auto-impresa. Inoltre, nonostante la crisi, abbiamo dato concretezza ad un nuovo programma di opere pubbliche, onorando uno dei concetti cardine dei Governi di centro-destra. Mi riferisco al nuovo Lungomare, piuttosto che al nuovo Anfiteatro comunale e al costruendo parcheggio Sant’Antonio. Progetti ai quali abbiamo ridato vigore, ma soprattutto prospettive più ampie. Non solo. Abbiamo creato una programmazione vincente in ambito turistico-culturale proponendo nuovi eventi e rivalorizzando quelli storici, sicuri ancora una volta di aver creato le giuste condizioni per avviare una campagna di promozione permanente della Città del Codex. Ma a renderci orgogliosi sono le politiche che abbiamo attuato a sostegno del sociale, delle scuole e dell’ambiente. Questo è stato un Esecutivo che ha affrontato di petto e con coraggio le tante problematiche della gestione dei rifiuti. Lo dico con vanto. I risultati raggiunti sulla differenziata ci consacrano tra le città medio-grandi più virtuose della Calabria. Così come i circa 4 milioni di euro intercettati per la riqualificazione degli edifici scolastici. E ancora, ci siamo messi dalla parte dei cittadini, specie dei più bisognosi. Non abbiamo tagliato alcun servizio per il sociale. Anzi li abbiamo integrati ed implementati con risultati evidenti che hanno creato, grazie anche al prezioso supporto della Chiesa, una comunità sociale e solidale. Ma sono solo alcuni dei tanti risultati raggiunti dall’Esecutivo, condivisi quotidianamente con tutta la maggioranza.

Ecco perché – conclude Antoniotti – sento, oggi più che mai, il dovere di continuare a porre il mio impegno in questo progetto per la Città. Rimetto la mia disponibilità a candidarmi alle forze di coalizione, convinto che quanti finora hanno sostenuto l’azione di governo, nel solco di una linea di coerenza, continueranno a contribuire, anche per i prossimi cinque anni, ad un progetto politico per Rossano, nato nel 2011 ma che fonda le sue radici nella lungimirante esperienza amministrativa avviata nel 1993.