Alluvione del 12 agosto scorso, i 4 milioni stanziati dalla Regione Calabria appaiono come il solito provvedimento buono soltanto per titoloni mediatici, Esso, infatti, non prevede nessun ristoro economico per i danneggiati ovvero nessun aiuto economico per gli alluvionati. La cifra sarà destinata ad enti ed associazioni che hanno lavorato nei dieci giorni successivi al 12 agosto.

È quanto denuncia l’ASSOCIAZIONE PRO ALLUVIONATI 12 AGOSTO 2015 commentando il Decreto della Giunta Regionale/Misura 126. Dalla data di pubblicazione della misura (16 ottobre 2015) – fanno sapere i protagonisti del comitato – si è scatenata una massiccia mobilitazione da parte dei titolari di aziende agricole presso le associazioni di categoria per riempire i moduli ed ottenere aiuti. Leggendo però le 50 pagine – continuano – si evince che la somma destinata andrà agli enti pubblici, ai consorzi ed a tutte le associazioni pubbliche che hanno lavorato per il ripristino del territorio; un ripristino – aggiunge l’associazione – che nella realtà non vi è mai stato. È stata fatta solo una semplice pulizia dei luoghi, togliendo solo la terra ed il fango. Tutto il resto – denuncia il comitato – è stato messo sotto un grosso tappeto e nascosto.

L’intera cifra andrà a tutti quelli enti i quali, in quel periodo, hanno lavorato gratuitamente! – così come ci è stato detto e ripetuto dalle istituzioni.

LA REGIONE CALABRIA AVREBBE DOVUTO STANZIARE DEGLI AIUTI ANCHE PER I CITTADINI COLPITI.

La calamità ha messo in ginocchio i già pochissimi guadagni di una stagione turistica fallimentare sotto ogni aspetto, a prescindere dall’evento alluvione. Ancora una volta – continuano – si foraggiano solo gli enti pubblici già fortemente indebitati. Mentre bisognava aiutare i privati e gli imprenditori del territorio, sia essi agricoli che commerciali.

Abbiamo appreso, inoltre, che tali fondi non potranno essere gestiti direttamente dai Comuni di Rossano e Corigliano. Ancora una volta – conclude l’associazione pro alluvionati dell’Area Urbana – il cittadino viene purtroppo escluso.

Il Comitato invita, quindi, i cittadini ad aderire e a sostenere l’associazione negli eventi in programma, finalizzati ad aiutare concretamente il territorio.