Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari , in pieno accoglimento dell’istanza avanzata dall’avvocato Giuseppe Vena ha dichiarato estinti gli effetti penali dei reati commessi dal sessantenne rossanese S.C. L’uomo, rispettivamente nei mesi di marzo e luglio dell’anno 2006 si era reso responsabile del reato di abuso edilizio

prima, subito scoperto e fermato dalle locali forze dell’ordine e nonostante gli veniva intimato il divieto assoluto di non proseguire l’opera lo stesso violava i sigilli ivi apposti per ben due volte, commettendo quindi anche altro reato, proseguendo nella realizzazione del manufatto. L’uomo per gli episodi narrati veniva deferito presso la locale Procura della Repubblica, iscritto nel registro degli indagati e successivamente processato, dall’allora Tribunale di Rossano, decidendo di patteggiare, nel 2007, la pena a sei mesi di reclusione. L’avvocato Vena, quindi, depositava istanza al Giudice per le indagini preliminari, rappresentando che essendo decorso il tempo previsto dalla legge e che l’imputato non ha commesso delitti o contravvenzioni , citando le massime giurisprudenziali della Corte Suprema di Cassazione, con cui chiedeva di dichiarare estinti i reati ed i loro effetti penali; tesi quest’ultima, accolta dal Giudice che riabilitava l’uomo.

Giacinto De Pasquale