Piccoli passi in avanti.
Il lavoro quotidiano di difesa del territorio e salvaguardia degli interessi della città restituisce alcuni piccoli frutti che sono solo il segno di ciò che potrebbe avvenire qualora al Governo della città dovesse andare una forza pulita, trasparente e coraggiosa come #RossanoPulita. Dopo aver annunciato l’esposto alla Procura della Repubblica per la verifica di eventuali responsabilità pubbliche o private sul degrado ingiustificabile della pavimentazione di via San Nilo,

infatti, sono stati fatti dei lavori di ristrutturazione della pavimentazione che dovrebbero aver mitigato, almeno per qualche tempo, gli eventuali danni ad autoveicoli ed all’immagine di Rossano. Un piccolo risultato, che però non diminuisce l’indignazione per l’assurdità di una pavimentazione apposta solo pochi mesi fa e già in stato disastroso, pertanto presenteremo ugualmente l’annunciato esposto alla Procura anche perché non possiamo esser certi, a questo punto, della solidità e sicurezza dei lavori effettuati: se ci sono delle responsabilità vanno individuate. Inoltre lunedì mattina, a seguito della campagna #LavoriSubitoSullaSp188 ed in particolare dell’assemblea del 2 Febbraio in Piazza Steri, del presidio del 3 Febbraio e del secondo presidio del 17 Febbraio all’imbocco della galleria, sono iniziati finalmente i lavori per la strada temporanea che permetterà tra qualche settimana di riaprire al transito la strada del traforo, seppur con un senso unico alternato. Si tratta di un piccolo passo in avanti, che dovrebbe permettere a mezzi pesanti come camion per le merci ed autobus di accedere tranquillamente al centro storico, scaricando inoltre l’altra via di accesso già in condizioni pietose a seguito dell’alluvione. Questo non significa assolutamente che ci accontenteremo della soluzione tampone. Chi teme che la strada alternativa possa diventare una condizione definitiva, di certo non interpreta male le intenzioni della Provincia che ha già ampiamente dimostrato il suo completo disinteresse verso questo territorio con decenni di colpevole ed ingiustificabile mancata manutenzione delle strade compresa la galleria parasassi del traforo. Tuttavia se qualcuno crede di accontentarci con la soluzione tampone, si sbaglia di grosso. Incassata la soluzione tampone riavvieremo la mobilitazione per ottenere la soluzione definitiva che permetta la messa in sicurezza o la demolizione della parasassi e l’apertura incondizionata della SP 188 in quanto è solo ed esclusivamente per responsabilità dell’ente Provincia se la nostra città, con particolare riferimento al centro storico ed alle località montane, in questi mesi ha subito ingenti danni economici, sociali e di immagine. In queste settimane siamo riusciti ad ottenere, con l’impegno e mettendoci la faccia, dei piccoli passi in avanti per la nostra città, ma per cambiare realmente marcia c’è bisogno del rinnovamento della classe dirigente a cui stiamo lavorando da anni con impegno: bisogna cominciare a correre ed è quello che faremo se avremo la possibilità di governare la città. Flavio Stasi Candidato a Sindaco per la coalizione civica #RossanoPulita